Le normative a sostegno del codice aperto

La storia delle applicazioni free nel quadro politico italiano inizia nel 2000, con la prima norma sul riuso di software scritto per la Pa. A questa segue la direttiva del ministro per l’Innovazione e le Tecnologie del 19 dicembre 2003, che impone una

La storia delle applicazioni free nel quadro politico italiano inizia nel 2000, con la prima norma sul riuso di software scritto per la Pa. A questa segue la direttiva del ministro per l'Innovazione e le Tecnologie del 19 dicembre 2003, che impone una valutazione comparativa, nella scelta tra una soluzione proprietaria e l'opensource, e obbliga all'adozione di uno standard aperto e interoperabile. La Finanziaria 2007 ha approvato un emendamento che prevede, nella distribuzione di risorse finanziarie a sostegno della società dell'informazione, la priorità ai progetti che utilizzano applicativi Os. La Finanziaria programma, inoltre, la realizzazione di un vero e proprio “marketplace delle soluzioni informatiche delle Pa”, in grado di favorire l'incontro tra la domanda pubblica e l'offerta delle imprese italiane che sviluppano codice aperto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here