Le grandi manovre nella guerra degli standard Web

Una commissione nata in seno a Oasis lavorerà alla ratifica di Bpel4Ws versione 1.1.

30 aprile 2003 L'Organization for the Advancement of Structured Information Standards (Oasis) ha annunciato che i propri membri hanno creato la commissione tecnica Web Services Business Process Execution Language (Wsbpel). Tale commissione lavorerà al Business Process Execution Language for Web Services (Bpel4Ws) 1.1, che Ibm, Microsoft, Bea Systems e Sap sottoporranno formalmente per la ratifica il 16 maggio. Con una mossa a sorpresa, Oracle, francamente critica riguardo al processo adottato da Microsoft e Ibm nella creazione e nella pubblicazione di Bpel4Ws, si è unita al comitato tecnico Wsbpel, invitata da Ibm in qualità di co-sponsor. Oracle si è aggiunta tra gli altri a Nec, Novell e Sybase. La decisione della casa di Provo trova conferma in un precedente noto che ha visto Ibm raggiungere il rivale per antonomasia dei servizi Web diretti da Sun Microsystems, il World Wide Web Consortium (W3C). Ibm ha affermato di aver accettato di entrare nel W3C, nel tentativo di scongiurare una potenziale “Terza Guerra Mondiale sulla coreografia”. Comunque sia, Ibm ha di seguito ritirato la propria decisione di aggiungersi al lavoro del W3C, durante un meeting nel quale partecipavano i rappresentanti di queste aziende, inclusa Microsoft. Secondo una portavoce di Ibm, Oracle e Sun sono state realmente invitate a partecipare in qualità di co-sponsor e di membri del comitato tecnico di Bpel4Ws, ma la stessa portavoce ha negato che Big Blue intenda contraccambiare, unendosi al Ws-Choreography.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome