Le 5 linee guida di Rsa contro le minacce avanzate

Rsa_Amit_Yoran_presidentAbbandonare i vecchi approcci utilizzati sinora per contrastare i cyberattacchi.
È il consiglio del presidente di Rsa, Amit Yoran, secondo cui “le ripetute sfide che toccano il settore della sicurezza non nascono da problemi di natura tecnologica bensì da un atteggiamento mentale”.

Da qui l’invito rivolto agli operatori della sicurezza a cambiare radicalmente approccio alla sicurezza per affrontare le minacce avanzate contro le quali non mancano tecnologie in grado di fornire una reale visibilità, un’adeguata intelligence e una gestione del rischio digitale e di business.

Al bando, dunque, qualsiasi approccio basato su tool prevedibili e persino sul rilevamento del malware.
Le cinque linee guida tracciate dal presidente della divisione Sicurezza di Emc per tornare ad allinearsi rispetto all’ambiente di business in cui le aziende si muovono e alle minacce che devono affrontare vanno ben oltre “il costruire mura più alte o lo scavare fossati più profondi a protezione dei nostri castelli”.

A partire dal lavoro svolto presso il Dipartimento statunitense della Difesa fino alla leadership di una delle maggiori società del mondo specializzate in sicurezza, il consiglio di Yoran è smettere di credere che protezioni pur avanzate siano sufficienti.

Quel che occorre è adottare un livello approfondito e pervasivo di visibilità reale all’interno degli ambienti enterprise, che vada dall’endpoint fino al cloud.

In un mondo privo di perimetri e con meno punti fermi in materia di sicurezza, identità e autenticazione non sono mai state così importanti, mentre l’intelligence esterna sulle minacce è da considerare una risorsa essenziale.
Il consiglio di Yoran è renderla operativa nei programmi di sicurezza e personalizzarla secondo gli asset e gli interessi delle aziende, in modo che gli analisti possano rapidamente affrontare le minacce più rischiose.

Infine, occorre capire cosa è più importante per la propria azienda e cosa è mission-critical per difenderlo con tutti i mezzi a disposizione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here