L’accordo Sco-Caldera porta feature high-end a Linux

Linux acquisir? le migliori caratteristiche realizzate per l’utilizzo high-end, come risultato dell’acquisizione (ancora in sospeso) degli asset tecnologici di Sco (Santa Cruz Operation). Linux sta crescendo gradualmente, acquisendo feature del sistema

Linux acquisir? le migliori caratteristiche realizzate
per l'utilizzo high-end, come risultato
dell'acquisizione (ancora in sospeso) degli asset
tecnologici di Sco (Santa Cruz Operation). Linux sta
crescendo gradualmente, acquisendo feature del sistema
operativo Unix sul quale ? basato, e venduto da Sco.
Una delle nuove feature (ancora mancante), ? il
clustering. Sco ha sviluppato software di clustering
con l'aiuto di Compaq e Tandem, (acquisita dalla prima
nel 1997). Qualcuno di questi software di clustering
verr? implementato in Linux. Il software di clustering
"made in Sco" ? un package molto apprezzato dagli
analisti, che affermano che il prodotto si trova
avanti simili prodotti competitor, come quello di Sun
Microsystems, e rappresenta una spinta considerevole
negli sforzi continui per rendere Linux un sistema
operativo "serio" (semmai ve ne fosse bisogno); anche
se la situazione high-end di Linux ? parecchio
complessa. Per prima cosa, Caldera Systems e Sco non
porteranno la suite completa di software clustering in
Linux, almeno inizialmente. Successivamente, i
competitor di Caldera Systems come Red Hat, Turbolinux
e Mission Critical Linux, lavoreranno anch'essi sul
software di clustering. Ricordiamo che Caldera non ha
ancora completata la transazione dell'acquisizione del
software Unix e dei relativi servizi di Sco, avvenuta
in agosto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here