La Soa veloce di Iona

Gli ultimi miglioramenti apportati ad Artix fanno stabilire alla società “il record sul giro” delle transazioni Web

È opinione di Massimo Pezzini, vice president and distinguished analyst di Gartner, che le aziende stiano passando sempre più numerose alle Soa per trasformare la propria infrastruttura It ed ottenerne i vantaggi di grande flessibilità e agilità di business, e che per quelle che hanno fatto questa scelta è fondamentale evitare una mentalità “one size fits all”, ma, piuttosto, cercare una tecnologia che permetta di implementare Soa in modo da poter rispondere al meglio alle specifiche necessità di business e tecnologiche.


Allo scopo, Iona ha rilasciato Artix Data Services e alcuni miglioramenti nelle performance e nella produttività per lo sviluppo su Artix, la suite di infrastruttura Soa. La disponibilità di Artix Data Services segue la recente acquisizione di C24 e aggiunge funzionalità di validazione, arricchimento e trasformazione dati, importanti per le implementazioni Soa. Tool grafici di sviluppo puntano a eliminare la necessità di scrivere codice, riducendo i costi legati allo sviluppo e alla manutenzione e migliorando la produttività degli sviluppatori. Inoltre, sono state aggiunte funzionalità di validazione dati basate su regole in grado di assicurare l'integrità delle informazioni usate in un'implementazione Soa.I miglioramenti apportati sono relativi principalmente a performance, produttività degli sviluppatori e flessibilità architetturale. Iona ha messo a frutto l'esperienza su ambienti complessi ed eterogenei per reingegnerizzare l'Esb Artix e migliorare l'architettura per raggiungere un throughput più elevato e ridurre la latenza.


In recenti benchmark condotti dai Sun Labs, è stato mostrato un aumento del 76% a livello di throughput, in termini di messaggi al secondo, e una riduzione della latenza del 50% su tipologie complesse.


Le nuove funzionalità WsdlsGen di generazione automatica del codice, poi, consentono di creare applicazioni C++ o Java partendo da contratti Wsdl, mentre Artix Orchestration automatizza la migrazione da Bpel 1.1 a Bpel 2.0.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here