La ricerca dei documenti in Rete si fa con Gdocu

Un motore messo a punto da un gruppo di programmatori italiani permette di rintracciare i file sul Web in tempi rapidi

L'invenzione dei motori di ricerca ha trasformato e semplificato la navigazione in rete degli utenti ma, come noto, non sempre le indagini vanno a buon fine. In particolare la ricerca dei file word, pdf e power point risulta quasi sempre difficoltosa, soprattutto per internauti “medi” con poca dimestichezza con le impostazioni avanzate di Google e affini. Per questo motivo, circa 6 mesi fa, un gruppo di giovani programmatori italiani ha sviluppato Gdocu: si tratta di un motore di ricerca specializzato nella ricerca di file su Internet. L'interfaccia è molto simile a quella di Google e non a caso: Gdocu utilizza infatti le funzioni di ricerca del colosso di Mountain View, ma predispone in automatico la tipologia dei file che si vuole recuperare. All'utente basta perciò scegliere il formato, inserire il nome del documento che si sta cercando e premere il tasto invio.

Questa funzionalità consente un notevole risparmio di tempo a tutti coloro che hanno bisogno di vagliare una gran quantità di documentazione (ad esempio tesisti, giornalisti e ricercatori). Gdocu è anche il primo motore che permette la ricerca di file per le nuove estensioni Office 2007 (oltre che open office e molte altre) ed offre la possibilità di condividere i propri risultati, ovvero di postarli su Facebook, Twitter o Delicious e molti altri social network. Il modello di business di Gdocu è ancora in costruzione, come spiega uno dei suoi fondatori, Angelo Rosati: «Per ora siamo legati a Google tramite gli annunci pubblicitari Adsense. Siamo però alla ricerca di sponsor più in target con la nostra utenza, avendo riscontrato un grande interesse tra gli studenti universitari, ricercatori, privati che effettuano ricerche molto approfondite. Cerchiamo quindi sostegno nell'area della formazione (Università e Master) o nel settore dell'editoria e della ricerca per sviluppare altre funzionalità del motore».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome