IronPort: appliance per la posta elettronica

La giovane società californiana propone al mercato italiano uno strumento per migliorare l’infrastruttura di e-mail.

3 maggio 2004

La posta elettronica è diventata uno strumento di lavoro irrinunciabile, ma i sistemi che la gestiscono sono vecchi e hanno bisogno di essere adeguati.


Ne sono convinti i fondatori di IronPort, società californiana nata nel 2000 che oggi propone anche al mercato italiano un’appliance progettata proprio per migliorare le performance dell’e-mail.


Si tratta di una piattaforma Mta (Messag Transfer Agent), che ha cioè il compito di ricevere le mail in ingresso e smistarle ai singoli utenti, compiti svolti nella grande maggioranza dei casi da server open source con installati software quali sendmail, qmail o posfix.


"Sendmail è stato creato negli anni 70 - sostiene Chris Stuart, country manager italiano - e non è adeguato ad affrontare i volumi e le problematiche odierne della posta, ovvero i rischi che derivano dallo spam e dai virus".


L’appliance proposta, disponibile nelle versioni per pmi, grandi aziende e provider, è basata su un sistema operativo proprietario e incorpora le funzionalità antispam del software Brightmail e l’antivirus di Sophos.


Inoltre, utilizza il filtro di Reputation SenderBase per bloccare indirizzi Ip che inviano spam.


IronPort ha un organico di 140 persone e in Europa opera dal 2003. In Italia opera appoggiandosi al rivenditore Case Solution di Pisa. Primo cliente nostrano è Tiscali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome