Intel vara una campagnia pubblicitaria triennale

Crisi o meno, il colosso statunitense è in procinto di lanciare la più grande campagna pubblicitaria mai realizzata nella sua storia per incrementare la conoscenza del proprio brand presso la fascia alta del mercato

4 giugno 2002 Allo scopo di
allargare ulteriormente il bacino d'utenza ed rafforzare la conoscenza del
proprio brand presso nuovi mercati, Intel sarebbe in procinto di lanciare la più
grande campagna pubblicitaria della sua storia. BusinessWeek, Cio Magazine,
Fortune e l'immancabile The Wall Street Journal, tra le testate cartacee e
online a beneficiarne, anche se non mancheranno gli investimenti televisivi. Il tutto per tre anni e con una spesa di svariate decine di milioni di dollari.
Filo conduttore della campagna una serie di quesiti che il produttore di
microprocessori sembra porsi. Fra questi, quello se una società che non produce
personal computer è in grado di cambiare il corso della storia tecnologica, o se
un microscopico pezzo di tecnologia (il microprocessore, appunto) può risolvere
i problemi delle imprese di grandi dimensioni. La risposta è scontata.
Target della campagna, neanche a dirlo,
la fascia alta del mercato, un segmento al quale il vendor statunitense
punterebbe grazie al prossimo rilascio dell'Itanium 2, ma anche al processore
Pentium 4 per desktop e portatili, e al nuovo Intel Xeon dedicato al mercato server.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome