Intel lavora per aumentare l’autonomia di Ivy Bridge

Si tratterà di una soluzione intermedia, che non sarà commercializzata in un elevato numero di esemplari, un passaggio finale in attesa del lancio delle nuove CPU Haswell.

Sul versante Intel, quando si parla dell'acquisto di un
sistema portatile, la scelta deve oggi ricadere, necessariamente, su
due opzioni: un ultrabook performante, basato su processore Core i3, i5 o
i7, che però non garantisce un'autonomia per l'intera giornata
lavorativa oppure su una più modesta CPU Atom che, di contro, porta a
circa 10 ore la durata della batteria.
A metà del prossimo anno, tuttavia, Intel potrebbe introdurre una terza opzione: la società sino ad oggi guidata da Paul Otellini  ha infatti in programma di lanciare un processore basato sulla nota architettura Ivy Bridge che vanti un TDP dell'ordine dei 10 Watt.
Il TDP (Thermal Design Power)
rappresenta un'indicazione del calore (energia) dissipato da un
processore che dovrà essere smaltito dal sistema di raffreddamento in
modo da mantenere la CPU al di sotto del massimo valore di temperatura
consentito.

Al momento, gli Ivy Bridge a voltaggio ultra
contenuto che si trovano nei MacBook Air di Apple constano di un TDP di
17 Watt e sebbene Intel metta a disposizione un particolare software che
consente di scendere sino a 13 Watt, si pensava che un TDP da 10 Watt
fosse ottenibile solo col lancio dell'architettura Haswell.
Invece, stando a quanto confermato dagli stessi portavoce di Intel, il
nuovo passo in avanti sarà compiuto senza abbandonare l'architettura Ivy
Bridge a 22 nanometri.
I responsabili di Intel, comunque, tengono a
precisare che si tratterà di una soluzione intermedia, che non sarà
commercializzata in un elevato numero di esemplari, un passaggio finale
in attesa del lancio delle nuove CPU Haswell.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here