Integrare e ottimizzare i processi aziendali per incrementare la competitività

«Attraverso J.D. Edwards EnterpriseOne, che è parte integrante delle soluzioni applicative Oracle, abbiamo ridotto i tempi operativi e aumentata la produttività, aspetti strategici in un mercato in rapida evoluzione»Fabrizio Lalli, responsabile sviluppo Sistemi Informativi Gruppo Buffetti

«Il settore in cui operiamo sta vivendo un momento di grande
trasformazione
- ha spiegato Fabrizio Lalli, responsabile
del settore Sviluppo Sistemi Informativi del
Gruppo Buffetti -, quindi, per supportare la crescita
della società ed essere pronti a cogliere nuove opportunità di business, sono
necessari sistemi informativi performanti, sicuri e affidabili. Proprio per
questo già nel 2000 abbiamo messo a punto una strategia volta a consentire la
migrazione da un sistema gestionale sviluppato internamente a uno integrato ed
esteso. Alla base di questa strategia c'era l'implementazione di un ERP di
seconda generazione
».


GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO
Attraverso la nuova strategia,
il Gruppo Buffetti si era riproposto di ottenere precisi obiettivi, volti a
stravolgere la modalità elaborativa ma, nel contempo, dovevano avere il minimo
impatto sul versante operativo. Più in dettaglio, quello a cui mirava la società
era creare un database unico e normalizzare
l'incremento della qualità dei dati
. Il risultato finale doveva portare
ad aumentare in modo significativo la velocità e l'affidabilità delle
transazioni
, a ottimizzare e integrare tutti i processi
aziendali
e a migliorare l'integrazione con il sistema
logistico
, che era gestito in outsourcing da terze parti.


LA SOLUZIONE IDEALE, UNA ORACLE
APPLICATION
«L'analisi delle soluzioni all'epoca presenti
sul mercato italiano
- ha proseguito Lalli - ci ha portato quasi
subito a focalizzarci su due dei maggiori player del settore: SAP e J.D.
Edwards, società che attualmente è parte dell'universo Oracle. La scelta è
caduta sulla soluzione J.D. Edwards EnterpriseOne, che ha
ottenuto la nostra preferenza in virtù delle sue caratteristiche tecnologiche,
che la rendono particolarmente fruibile: agilità, flessibilità,
scalabilità e apertura verso l'esterno
. Senza ovviamente trascurare
l'affidabilità e la robustezza universalmente riconosciute al Database Oracle su
cui tale soluzione si appoggia e con il quale, grazie al fatto di essere
parte integrante delle Oracle Applications, ha
un dialogo privilegiato
».
«Sapevamo inoltre - ha aggiunto Lalli
- che avremmo dovuto introdurre determinate
personalizzazioni per ottemperare ad alcuni obblighi normativi
specifici del nostro Paese. In questo senso, la soluzione prescelta dava
maggiori garanzie di flessibilità rispetto all'offerta SAP che, al contrario,
risentiva di una certa rigidità
».


IL PARTNER AD HOC, ATLANTIC TECHNOLOGIES
L'esigenza di
integrare in tempi rapidi le complesse e variegate funzionalità tipiche di una
società di Distribuzione ha fatto sì che Buffetti trovasse in Atlantic
Technologies, società di consulenza con specifica competenza sulle applicazioni
selezionate, un interlocutore privilegiato. «Grazie alla professionalità di
Atlantic Technologies
- ha sottolineato Lalli - siamo riusciti a
implementare in un anno tutte le funzionalità aziendali su applicativi
Oracle, rispettando perfettamente tempi e costi previsti
. Questo è un
risultato tutt'altro che scontato per un approccio progettuale di tipo “Big
Bang”, che ha contribuito in maniera significativa alla modernizzazione
dell'azienda, sia dal punto di vista organizzativo sia operativo
».


UN SISTEMA ESTESO INTEGRATO
La soluzione basata sulle
Oracle Applications implementata dal Gruppo Buffetti è in grado di garantire la
copertura funzionale di tutta la catena del valore, dalla
pianificazione degli approvvigionamenti alla gestione dei cicli attivo e
passivo, dalla gestione delle vendite dirette (cataloghi, listini, campagne
promozionali, canvass) a quella del canale. Tale soluzione gestisce anche
logistica e spedizioni (affidate a un Partner esterno) e gli aspetti contabili,
amministrativi, finanziari. Il Gruppo Buffetti ha affidato alle Oracle
Applications anche al controllo di gestione, con incluse evolute funzionalità di
governance che prevedono cruscotti direzionali, reportistica e strumenti di
analisi particolarmente evoluti.
Grazie alla nuova soluzione, il Gruppo
Buffetti è oggi in grado di monitorare la redditività per prodotto/area
geografica o Cliente
, di pianificare la domanda, di
prevedere i picchi di lavoro e di evadere gli ordini dei Clienti a più
alta redditività senza penalizzare gli altri utenti.


I BENEFICI DELLA NUOVA IMPLEMENTAZIONE
L'introduzione del
nuovo sistema gestionale ha portato a un notevole recupero di efficienza
a tutti i livelli
. Tra i risultati più eclatanti la riduzione
del tempo necessario per processare un ordine
(ogni giorno la società
riceve una media di 150 ordini), passato da alcuni giorni a poco più di un'ora e
l'introduzione della funzionalità di tracciabilità degli ordini. Attraverso le
Oracle Applications, la normalizzazione e la propagazione dei dati da un unico
database ha inoltre incrementato la rapidità delle
transazioni, diminuendo nel contempo i margini di
errore
in maniera significativa.


GLI SVILUPPI FUTURI
Il sistema viene costantemente
aggiornato e per il prossimo anno è prevista la migrazione alla release
successiva del Database Oracle
, mentre è allo studio la possibilità di
implementare funzionalità di CRM ancora più evolute, al fine di
incrementare ulteriormente la qualità dei prodotti e dei servizi offerti ai
Clienti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here