Home Digitale Indice Desi 2021, Italia decima in Europa per integrazione digitale

Indice Desi 2021, Italia decima in Europa per integrazione digitale

Desi 2021, l’ultima edizione dell’indice dell’economia e della società digitali, riporta progressi complessivi nella transizione digitale europea. Ma per i veri dati relativi alla pandemia serve attendere l’edizione 2022.

Il Digital Economy and Society Index (Desi) è un indice che annualmente riassume gli indicatori sulle prestazioni digitali dell’Europa e tiene traccia dei progressi dei paesi dell’UE dal 2014.

La Commissione europea, infatti  monitora i progressi digitali degli Stati membri attraverso relazioni annuali. Quella del rapporto Desi 2021, relativa al 2020, di fatto, presenta lo stato dell’economia e della società digitali nel primo anno della pandemia.

Ecco perché, rispetto agli indici precedenti, il Desi 2021 è stato adeguato per riflettere le due principali iniziative politiche destinate ad avere un impatto sulla trasformazione digitale nell’UE nei prossimi anni: il Recovery and Resilience Facility (RRF) e il Digital Decade Compass.

Una volta si chiamava Recovery Fund

Con un budget di 723,8 miliardi di euro, il Recovery and Resilience Facility (RRF), adottato nel febbraio 2021, è il più grande programma nell’ambito di Next Generation EU.

Il Desi 2021 traccia i progressi compiuti negli Stati membri dell’UE nella competitività digitale nei settori del capitale umano, della connettività a banda larga, dell’integrazione delle tecnologie digitali da parte delle imprese e del digitale servizi pubblici.

I rapporti nazionali che compongono il Desi 2021 presentano per la maggior parte i dati del primo o del secondo trimestre del 2020, fornendo alcune informazioni sugli sviluppi chiave nell’economia e nella società digitali durante il primo anno della pandemia di COVID-19.

Tuttavia, l’effetto COVID-19 sull’uso e la fornitura di servizi digitali e i risultati delle politiche attuate da allora non vengono catturati nei dati e saranno più visibili nell’edizione 2022.

L’Italia è ventesima nella classifica complessiva, con un punteggio totale di 45,5 punti, al di sotto della media europea di 50,7 punti e ben lontana dal primo Paese europeo, la Danimarca, con 70 punti.

In fatto di integrazione di tecnologie digitali il nostro Paese è decimo in classifica con 41,4 punti, oltre la media europea del 37,6. Rimane invece venticinquesimo per il capitale umano, con 35,1 punti contro i 47,1 della media europea, ventitreesimo per la connettività, con 42,4 punti contro i 50,2 della media UE, e diciottesimo nei servizi pubblici digitali, con 63,2 punti contro 68,1 della media europea.

Scarica la sezione italiana del rapporto Desi 2021

Digitale: tutti avanti, ma con juicio

Tutti gli Stati membri dell’UE hanno compiuto progressi nel settore della digitalizzazione, ma il quadro generale tra gli Stati membri è misto e, nonostante una certa convergenza, il divario tra i leader dell’UE e quelli con i punteggi Desi più bassi rimane ampio.

Nonostante questi miglioramenti tutti gli Stati membri dovranno compiere sforzi concertati per raggiungere gli obiettivi 2030 stabiliti nel Decennio digitale europeo.

Il Desi 2021 è stato adeguato per riflettere le principali iniziative politiche, tra cui 2030 Digital Compass: the European Way for the Digital Decade, che definisce l’ambizione dell’Europa per quanto riguarda il digitale e delinea una visione per la trasformazione digitale e obiettivi concreti per il 2030 nei quattro punti cardinali: competenze, infrastrutture, trasformazione digitale delle imprese e dei servizi pubblici.

The Path to the Digital Decade, un programma politico presentato nel settembre 2021, definisce una nuova forma di governance con gli Stati membri, attraverso un meccanismo di cooperazione annuale tra le istituzioni dell’UE e gli Stati membri per garantire che raggiungano insieme le ambizioni.

The Path to Digital Decade assegna al Desi il monitoraggio degli obiettivi del Digital Decade e per questo gli indicatori Desi sono ora strutturati attorno ai quattro punti cardinali del Digital Compass.

Nell’ambito del meccanismo di recupero e resilienza (RRF), gli Stati membri dell’UE si sono impegnati a spendere per il digitale almeno il 20% delle loro dotazioni nazionali del piano di recupero e resilienza e finora gli Stati membri stanno raggiungendo o superando ampiamente questo obiettivo.

I rapporti nazionali Desi incorporano una panoramica sintetica degli investimenti e delle riforme digitali nei piani di ripresa e resilienza per i 22 piani già adottati dal Consiglio.

Desi 2021, i risultati: crescono gli specialisti ICT

Per quanto riguarda le competenze digitali, il 56% delle persone nell’UE possiede almeno competenze digitali di base.

I dati mostrano un leggero aumento degli specialisti ICT nell’occupazione: nel 2020, l’UE aveva 8,4 milioni di specialisti ICT rispetto ai 7,8 milioni dell’anno prima.

Dato che il 55% delle imprese ha segnalato difficoltà nell’assunzione di specialisti ICT nel 2020, questa mancanza di dipendenti con competenze digitali avanzate è anche un fattore che contribuisce alla più lenta trasformazione digitale delle imprese in molti Stati membri.

I dati indicano una necessità di aumentare le offerte e le opportunità formative, per raggiungere gli obiettivi del decennio digitale per le competenze (80% della popolazione possiede competenze digitali di base e 20 milioni di specialisti ICT).

La Commissione ha anche pubblicato il quadro di valutazione delle donne nel digitale, che conferma che esiste ancora un sostanziale divario di genere nelle competenze digitali specialistiche. Solo il 19% degli specialisti ICT e circa un terzo dei laureati in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica sono donne.

I dati sulla connettività mostrano un miglioramento delle reti ad altissima capacità (VHCN), in particolare che è disponibile nel 59% delle famiglie nell’UE, rispetto al 50% di un anno fa, ma ancora lontano dalla copertura universale del Gigabit network (l’obiettivo del decennio digitale per il 2030).

La copertura VHCN rurale è passata dal 22% nel 2019 al 28% nel 2020. Inoltre, 25 Stati membri hanno assegnato uno spettro 5G, rispetto ai 16 di un anno fa. Il 5G è stato lanciato commercialmente in 13 Stati membri, coprendo principalmente le aree urbane.

La Commissione ha inoltre pubblicato oggi studi sui prezzi della banda larga mobile e fissa in Europa 2020 , sulla copertura della banda larga fino a giugno 2020 e sui piani nazionali per la banda larga. Da segnalare che l’11% degli investimenti digitali nei Piani di Rilancio e Resilienza adottati dal Consiglio (circa 13 miliardi di euro su un totale di 117 miliardi di euro), è dedicato alla connettività.

Il balzo del cloud

Per quanto riguarda l’integrazione delle tecnologie digitali, in Europa si è registrato un forte aumento dell’utilizzo delle tecnologie cloud (dal 16% delle aziende nel 2018 al 26% nel 2020).

Le grandi imprese continuano ad essere all’avanguardia nell’utilizzo delle tecnologie digitali: ad esempio, utilizzano la condivisione elettronica delle informazioni attraverso la pianificazione delle risorse aziendali (ERP) e il software cloud molto più frequentemente delle PMI (80% e 35% rispettivamente per ERP e 48% vs. 25% rispettivamente per il cloud).

Tuttavia, solo una frazione delle imprese utilizza tecnologie digitali avanzate (14% big data, 25% intelligenza artificiale e 26% cloud).

Questi dati indicano che lo stato attuale dell’adozione delle tecnologie digitali è lontano dagli obiettivi del Decennio Digitale: l’ambizione dell’UE per il 2030 è che il 90% delle PMI abbia almeno un livello base di intensità digitale rispetto al livello base del 60% nel 2020, e che almeno il 75% delle imprese utilizza tecnologie digitali avanzate per il 2030.

Al momento solamente una frazione delle aziende utilizza i Big Data anche in alcuni dei paesi più performanti, rispetto all’obiettivo del 75%. È importante sottolineare che circa il 15% degli investimenti digitali nei piani di ripresa e resilienza adottati dal Consiglio (quasi 18 miliardi di euro su un totale di 117 miliardi di euro) è dedicato alle capacità digitali e alla ricerca e sviluppo digitale.

A completare i dati del rapporto DESI c’è uno studio che ha censito il contributo dell’ICT alle azioni di sostenibilità ambientale delle imprese dell’UE , che rivela che il 66% delle aziende intervistate ha affermato di utilizzare soluzioni ICT per ridurre la propria impronta ambientale.

Un importante miglioramento nei servizi di e-government non si vede ancora nei dati sui servizi pubblici digitali. Durante il primo anno della pandemia, diversi Stati membri hanno creato o migliorato piattaforme digitali per fornire più servizi online. Il 37% degli investimenti nel digitale nei Piani di Rilancio e Resilienza adottati dal Consiglio (circa 43 miliardi di euro su un totale di 117 miliardi di euro), è dedicato ai servizi pubblici digitali, per cui si prevedono miglioramenti significativi nei prossimi anni . La Commissione ha inoltre messo a disposizione l’ eGovernment Benchmark 2021 , che intervista i cittadini di 36 paesi europei sul loro utilizzo dei servizi governativi digitali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php