In Inghilterra, i navigatori sono causa di 300.000 incidenti

Ma anche dell’imbocco di strade contromano, di manovre azzardate o di inversioni di marcia in luoghi dove non è consentito. E ingenerano insicurezza negli autisti. Lo rivela un’indagine condotta dalla società di assicurazioni Direct Line

Oltre a indicare il tragitto da percorrere, il navigatore rende
la guida più sicura? Non si direbbe proprio se si guardano i dati emersi da un’indagine
effettuata dalla società di assicurazioni Direct Line sugli autisti inglesi e
pubblicata sul sito del Mirror. Se riportati su scala nazionale, tali dati indicano infatti
che stati circa 300.000 gli incidenti
causati dai navigatori
, mentre circa
1,5 milioni di autisti si sono trovati a dover invertire il senso di marcia
pericolosamente o in luoghi dove ciò non era permesso
perché stavano
seguendo i suggerimenti del Gps. Altri 5 milioni hanno imboccato
strade contromano
.

L’indagine riporta inoltre che il 10% dei guidatori che possiedono un navigatore, seguendone le
istruzioni, si è trovato in pericolo o
ha dovuto effettuare delle svolte non permesse
. Il 20% accusa il dispositivo di renderli insicuri nelle strade più
affollate e di fargli perdere la percezione dell’intensità del traffico.

Infine, più del 2%,
ovvero circa 300.000 persone, ha dichiarato di aver causato, o di essere stato
molto vicino a causare, un incidente
.

L’indagine ha coinvolto 2.000 persone ed è stata curata da
Maggie Game di Direct Line, la quale avverte: “Se un navigatore satellitare vi dà un’indicazione che può mettere in
pericolo voi o i guidatori di altre auto, ignoratela. Gli autisti devono capire
che i Gps sono strumenti molto utili, ma le loro indicazioni non vanno
assolutamente seguite se portano a pregiudicare la sicurezza stradale
”.

Inghilterra, più della
metà dei guidatori possiede un navigatore satellitare, per un totale di oltre
14 milioni di utenti
. Di questi, più di un terzo afferma che l’essersi
completamente fidati dell’auto del Gps li
ha più volte confusi
, mentre un quarto sostiene di essere stato portato a transitare in strade dove era proibito
l’accesso
. Infine, un quinto afferma che il navigatore lo ha portato verso una destinazione sbagliata,
mentre quasi il 7% sostiene di avere indicazioni
errate sul tempo di percorrenza per il tragitto impostato
.

Rimane il problema di capire
come certe persone comunque seguano le indicazioni del navigatore, anche quando
queste sono palesemente sbagliate
o possono creare una situazione di
pericolo. Forse, azzarda Cary Cooper, docente di psicologia presso la Lancaster University,
perché quando sono alla guida non
vogliono assumersi alcuna responsabilità, anche quando si tratta solo di
decidere quale direzione prendere. E quindi anche se le informazioni che
ricevono sono sbagliate, come quando dei segnali indicano che non stanno
andando nella direzione corretta, queste persone proseguono per la loro strada.
Ammettono di aver commesso un errore solo dopo che sono finite dentro uno
stagno
”.

Per viaggiare sicuri e non “essere vittime” né distratti dal navigatore,
Maggie Game suggerisce di impostare
sempre il tragitto da compiere prima della partenza
, così non lo si deve aggiornare
durante il viaggio. Inoltre, non bisogna sempre seguire ciecamente le
indicazioni, ma è importante anche usare
un po’ di buon senso
: il Gps aiuta, ma non impartisce ordini.

Infine, sarebbe sempre bene usare
prodotti di marche affidabili con mappe aggiornate
e, nel caso si
utilizzino dispositivi portatili, è opportuno posizionarli dove non possono limitare
la visuale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here