In calo le vendite di Linux

Stando alla società di ricerca Idc, nel corso del 2001 le vendite di Linux hanno fatto registrare un decremento di circa il 5%. Ma il trend sembra destinato a subire un’inversione di rotta tanto che, da qui al 2006, lo stesso mercato dovrebbe valere circa 280 milioni di dollari

9 agosto 2002 Nel 2001 Linux ha perso
terreno nei confronti di Windows. A sostenerlo è la società di ricerca Idc che
in una recente analisi ha sottolineato come, nell'arco dello scorso anno, le
vendite del sistema del pinguino abbiano registrato un decremento prossimo al
5%, fino a raggiungere quota 80 milioni di dollari. In compenso, le
vendite del sistema messo a punto da Bill Gates avrebbero raggiunto i 10
miliardi di dollari, crescendo dell'11%, rispetto al 2000.
A quanto pare,
però, il trend non sembra destinato a durare. Stando alle previsioni della
società statunitense, entro il 2006, il mercato Linux arriverà a valere qualcosa
come 280 milioni di dollari. Il tutto grazie agli sforzi attuati da vendor del
sistema open source - di cui Red Hat e Suse rappresentano i massimi
esponenti - per immettere sul mercato nuovi programmi free per gli utenti.
Intanto, nonostante Idc non abbia reso noto il numero di copie di Linux
commercializzate nell'intero 2001 - ma che dovrebbe essere in linea con quello
del 2000 -, il totale delle copie commercializzate per client sembrano essere
aumentate di circa il 50%, rispetto al periodo precedente, soprattutto nel
mercato asiatico e in quello dell'America Latina.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome