Il viver bene di Reggio Emilia fa leva sull’It

Il centro storico della città è stato coperto con hot spot Wi-Fi, per assicurare connettività gratis a cittadini e turisti

Si sa che a Reggio Emilia (circa 160.000 abitanti) si vive bene. Una fama che l'amministrazione comunale cerca di consolidare anche con interventi di recupero e rigenerazione dei computer, ceduti gratuitamente alle scuole. Tutti gli istituti sono online e sperimentano quotidianamente la multimedialità con la creazione di portali e altre forme di comunicazione. Una rete civica (Navig@are), attiva da cinque anni, fornisce ai singoli cittadini anche un account di posta elettronica gratuita. «Da sempre - esordisce Mauro Bonaretti, direttore generale del Comune -, l'innovazione tecnologica è, per noi, lo stimolo all'offerta di nuovi servizi. Questo è quanto è accaduto, ad esempio, con il Wi-Fi». Il comune, infatti, era venuto a conoscenza di alcune sperimentazioni statunitensi che prevedevano l'utilizzo di hot spot Wi-Fi nel centro storico delle città, per fornire connettività gratuita ai cittadini. «Verso la metà del 2005 - prosegue il direttore - abbiamo iniziato a sondare le opportunità». La volontà di superare lo scoglio dell'ultimo miglio ha preso in considerazione lo sfruttamento della dorsale di connettività a banda larga in fibra ottica posata in Emilia Romagna in anni recenti. In seconda battuta, sono state valutate le possibilità offerte dal nomadismo individuale, in una nazione dove i cellulari sono molto diffusi. Infine, il tentativo di riportare “in piazza” la cittadinanza. «Il tema dell'aggregazione è particolarmente sentito - puntualizza il funzionario -, tanto che è previsto un rafforzamento delle politiche di attrazione verso i luoghi della vita comunitaria. Il Wi-Fi nelle piazze e nei parchi può indubbiamente aiutare a incentivare la vita all'aperto». L'amministrazione comunale ha, così, installato nel centro storico (seguita dal fornitore di connettività senza fili Guglielmo) una ventina di hot spot Wi-Fi di Smc Network. «Un'iniziativa particolarmente rilevante è quella sperimentata nei giardini pubblici - sostiene il direttore -, con l'intento di insegnare agli extracomunitari a utilizzare il VoIp sui dispositivi senza fili, per chiamare a basso costo le proprie famiglie nel paese d'origine». A un anno dall'avvio dell'iniziativa, sono diverse migliaia le connessioni attivate. «I numeri sono decisamente superiori alle ipotesi iniziali - spiega Bonaretti -. In futuro pensiamo di arrivare a superare il divario digitale coprendo con il WiMax le aree del territorio comunale più periferiche, che non sono ancora state raggiunte dall'Adsl, anche grazie al contributo della multiutility Enia».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here