Il test di TeamViewer

La prova di un applicativo per controllare PC a distanza, effettuare trasferimenti rapidi di file, visualizzare quanto avviene a schermo da remoto e in generale lavorare in team.

Ottobre 2008 Le attuali linee ADSL stanno rendendo possibile anche via
Internet ciò che in passato era possibile solo nella rete LAN aziendale,
ovvero il controllo remoto di altri computer e la condivisione del desktop per
il lavoro in team o l’assistenza online. Il classico scenario aziendale,
in cui l’esperto IT o l’amministratore di sistema tramite la rete
locale prende il controllo del desktop di un impiegato per risolvere un problema,
è ora possibile anche in remoto via Internet senza che la lentezza della
comunicazione renda le operazioni troppo frustranti.

Cosa offre il mercato
Agli strumenti già offerti da Windows, come il Desktop Remoto,
si affiancano interessanti soluzioni di terze parti, basti ricordare RDM+ di
cui si è già parlato su PC Open Studio che consente di controllare
in remoto un PC senza problemi di Firewall, IP, NAT e così via.
Una nuova proposta in questo campo è TeamViewer, che si distingue per
la bidirezionalità: oltre a poter visualizzare il desktop di altri PC
e controllarli a distanza è anche possibile mostrare il proprio desktop
su altri PC, cosa molto utile ad esempio per illustrare operazioni da compiere
o per eseguire presentazioni di prodotti o impartire lezioni in videocorsi a
distanza.

Utilizzo e installazione semplici
TeamViewer offre controllo a distanza di altri PC tramite Internet senza impostare
complessi parametri; trasmissione file da e verso il PC remoto; funzionamento
bidirezionale per telepresentazioni di prodotti e corsi a distanza sul desktop
dei PC remoti; registrazione video delle sessioni; versione MacOS X per la connessione
mista tra PC Windows ed Apple.

Con TeamViewer è possibile decidere ad ogni collegamento con un PC remoto
se controllarlo a distanza o visualizzare su di esso il proprio Desktop. La
gestione file è molto ben fatta, a differenza di soluzioni rivali è
possibile anche inviare da e verso il PC remoto intere cartelle e i file vengono
compressi, cosa utile se la propria ADSL è “asimmetrica”
(velocità di upload nettamente inferiore a quella di download) come solitamente
avviene, con esclusione di servizi come quello in fibra ottica di Fastweb. L’interfaccia
di TeamViewer è intuitiva e anche se alcuni parametri possono non essere
di immediata comprensione è disponibile un esauriente help online, purtroppo
in inglese mentre il software è in italiano.

Possibilità di registrare filmati
Tra le novità della versione 3.5 si segnalano la possibilità di
registrare come filmato quanto avviene a schermo durante la connessione remota,
cosa utile per realizzare videocorsi; la creazione a richiesta di una rete virtuale
VPN, decisamente preziosa per l’uso aziendale in quanto consente di lavorare
su database remoti dal proprio PC; il riavvio da remoto del PC. Durante l’uso
è possibile regolare in tempo reale la qualità di visualizzazione
del desktop remoto, come numero di colori, scala di rappresentazione e utilizzo
dello sfondo del desktop. Ciò consente di ottimizzare la visualizzazione
per la massima velocità o per una perfetta fedeltà al desktop
del PC remoto.

Sicurezza molto elevata
La sicurezza è molto elevata, grazie all’uso di una crittografia
del flusso dati con RSA Public-Private Key Exchange e RC4 Session
Encoding
, al fatto che la chiave privata non abbandona mai il computer
del client evitando decodifiche su PC intermedi, e possibilità di generare
nuove coppie di ID e password a ogni riavvio del PC. Inoltre quando si avvia
il controllo remoto appare sempre una finestra di avviso, evitando che chi usa
il PC remoto non si renda conto che il proprio desk­top è visualizzato
e controllato da un altro PC. Il principale difetto di TeamViewer è l’assenza
di moduli per dispositivi mobili: ci sono rivali come RDM+ che consentono il
controllo del proprio PC e la visualizzazione del Desktop su palmari Windows
Mobile e PalmOS, cellulari Symbian e persino iPhone, risultando estremamente
utili al professionista in mobilità che può utilizzare il suo
PC dell’ufficio o di casa anche portando con sé il solo cellulare,
senza l’ingombro di un notebook come è invece obbligatorio per
usare TeamViewer.

Come funziona
Con TeamViewer è possibile controllare in remoto un PC visualizzandone il desktop
sul proprio PC, effettuare trasferimenti rapidi di file, visualizzare presentazioni
sul PC remoto, dare assistenza online, registrare quanto avviene a schermo come
filmato, creare una rete privata virtuale VPN e altro. Si può anche, funzione
particolarmente interessante, invertire il controllo in modo bidirezionale,
passandolo al computer remoto che potrà visualizzare il desktop del proprio
PC e controllarlo a distanza. Le due modalità di utilizzo di TeamViewer, ovvero
come applicazione e come servizio di Windows, consentono di ottimizzare il tipo
di controllo in base alle proprie esigenze: l’uso come applicazione è più sicuro,
in quanto viene creata una coppia unica di ID e password ad ogni riavvio del
PC, e ciò impedisce che un malintenzionato possa sfruttare le vecchie ID e password
per prendere il controllo del PC remoto. L’uso come servizio Windows consente
invece di avviare TeamViewer prima che appaia il desktop di Windows, e consente
anche il riavvio in remoto del PC, risultando ideale per il controllo remoto
di server o di PC davanti ai quali non siede un utente. Il desktop del computer
remoto può essere visualizzato con diversi livelli di qualità: a 256 colori
e senza immagine di sfondo per maggiore rapidità, o a 16 milioni di colori con
immagine di sfondo. Inoltre è possibile regolare la scala di visualizzazione,
ottimizzando il controllo di desktop remoti con risoluzioni diverse dalla propria.

A chi serve
Professionisti che desiderano controllare il PC dell’ufficio o di casa
in remoto via Internet, o lavorare in team condividendo alternativamente il
desktop con altri PC passando il controllo da uno all’altro, o realizzare
presentazioni, videocorsi e assistenza remota

Pro
– Controllo remoto del desktop con possibile passaggio del controllo al PC remoto
– Nessun problema di IP, Firewall o NAT
– Presentazioni, help a distanza, VPN
– Registrazione sessioni di connessione come file video

Contro
– Assenza modulo per controllo remoto da palmari o cellulari

Caratteristiche tecniche
Nome: TeamViewer 3.6
Produttore: TeamViewer GmbH
Sistemi operativi supportati: Windows 2000/XP/Vista, MacOS
X
Prezzo: 479-968 euro annui (IVA incl.)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome