Il router ottico di Monterey promette prestazioni da brivido

In mostra, al Supercomm di Atlanta, la potenza del nuovo router ottico di Monterey Networks. La start up, in cui Cisco ha investito un considerevole, ancorquando sconosciuto, ammontare di denaro, ha pronti la switch fabric e alcuni elementi di I/O del

In mostra, al Supercomm di Atlanta, la potenza del nuovo router ottico di
Monterey Networks.
La start up, in cui Cisco ha investito un considerevole, ancorquando
sconosciuto, ammontare di denaro, ha pronti la switch fabric e alcuni
elementi di I/O del Wavelength Router serie 20000. Quanto basta per farne
assaggiare le prestazioni, che, a detta dei tecnici della stessa società,
possono scalare da quelle garantite tipicamente dai dispositivi
optoelettronici a quelle dei veri switch ottici. Soprattutto atteso è
l'Asic chiamato Teraseed, che consente ai canali di essere commutati con la
granularità della lunghezza d'onda, piuttosto che con quella standard
prevista dal segnale Sts-1 Sonet. Il Teraseed è basato su una dual switch
fabric a matrice, capace di arrivare a trattare addirittura 160 Tbps di
traffico proveniente da diversi sistemi, fino a Oc-48 (2,5 Gbps), Oc-192
(10 Gbps) e Oc-768 (40 Gbps). La doppia matrice consente di garantire una
piena ridondanza, poiché il traffico può essere copiato in blocco su una
matrice quando l'altra dovesse guastarsi.
Cisco è particolarmente interessata a questa tecnologia e al protocollo
Warp (Wavelenght Router Protocol), inventato da Monterey. Anche in questo
senso andranno interpretati gli sforzi che le due società attueranno per
dimostrare l'uso combinato del 20000 Wavelength Router con il Cisco 12000
Gigabit Switch Router.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here