Il push e-mail fa guadagnare

Nokia allerta i partner: nel business della mobilità ci sono opportunità da non lasciarsi sfuggire

«Tre eventi stanno cambiando il mercato enterprise europeo - ha dichiarato David Petts, senior vice president marketing, sales & services di Nokia alla presentazione, in autunno, del nuovo programma del vendor per il canale -: la mobilizzazione delle applicazioni, la convergenza dati/voce e la convergenza fisso/mobile. Questo crea un'opportunità enorme per esplorare la crescita della mobilità». Lo conferma anche una ricerca elaborata da Canalys: il mercato dei dispositivi mobili è aumentato nell'area mediterranea del 10,6%, passando da 6,2 milioni di unità del 2004 a 6,9 milioni nel 2006. E altissime sono le stime di crescita dell'impiego di mobile device per il mercato business, che si prevede passerà da 4,1 milioni di unità del 2004 a 23,6 milioni nel 2009.
Nokia, già forte nell'area security, è così pronta a cimentarsi con due nuove aree tecnologiche: il VoIp, con tutte le opportunità offerte dai nuovi sistemi Ip-Pbx forniti da operatori come Cisco, Alcatel e Avaya per la convergenza voce e dati su base Ip. E soprattutto la mobilità, con i nuovi Nokia Eseries pensati per una clientela enterprise.

E il punto dove far breccia sembra essere il traffico della posta elettronica: «Nell'area Emea ci sono 140 milioni di caselle di posta elettronica, 32 milioni di notebook installati e 30 milioni di lavoratori viaggianti - aggiunge Petts -. È importante per le grandi imprese mettere i propri dipendenti in grado di essere performanti in ogni condizione: sistemi di push e-mail diventano una necessità per essere sempre in contatto e avere tempi veloci di risposta. Da qui diventa poi facile veicolare altre applicazioni, quali la mobile intranet & corporate data access e la mobilizzazione di applicazioni aziendali più complesse».
Connettere le persone su ogni device, su ogni net¬work e piattaforma e con chiunque: una volta approntata la tecnologia, il focus di Nokia è adesso al 100% il proprio canale, per creare un network di partner in grado di dialogare con aziende di qualunque dimensione.

Supporti a un canale da certificare
«È stato approntato un programma di formazione e certificazioni su due livelli: Authorized ed Expert - ci spiega Valerio Tavazzi, head of enterprise solutions, sales & marketing Italia -, distribuiti sui tre comparti tecnologici, a seconda dell'area di interesse del rivenditore (anche se Nokia incoraggia a focalizzarsi sull'intero range tecnologico - ndr), a loro volta divisi in tre gradi di preparazione. Con le certificazioni scattano una serie di vantaggi, quali l'assegnazione di un account manager e una speciale scontistica applicata per Nokia dal distributore su base trimestrale, e altre facilitazioni come versioni software di prova per uso interno e dimostrativo e versioni valutative per i potenziali acquirenti, oltre all'accesso a un vasto database di conoscenze su prodotti e servizi.

I partner certificati Expert godono in aggiunta di ulteriori benefici, attività di lead generation, accesso a fondi per lo sviluppo di piani marketing, supporto pre vendita e scontistica e assistenza tecnica di più alto livello. Criterio base per poter accedere al programma di certificazioni è che il partner si fornisca esclusivamente presso distributori Nokia autorizzati, oltre a identificare un certo numero di dipendenti da certificare a seconda del livello di programma perseguito. Per gli Expert si richiede, inoltre, che il 30% dei profitti venga da vendita di servizi, oltre a case history e business plan trimestrali».
Una serie di test misura gli skill e le eventuali competenze già possedute dal partner, che in tal caso può conseguire la certificazione senza dover seguire i corsi, che vengono erogati gratuitamente on line oppure in sessioni giornaliere tenute presso Nokia del costo di mille euro al giorno per persona.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome