Il piano anti-Olivetti di Telecom Italia

Dopo una lunga riunione del consiglio d’amministrazione, Telecom Italia ha approntato un piano che dovrebbe contrastare l’Opa ostile lanciata da Olivetti. Al centro, vi è il rilancio dell’intenzione di fondere le attività di telefonia fis …

Dopo una lunga riunione del consiglio d'amministrazione, Telecom Italia ha
approntato un piano che dovrebbe contrastare l'Opa ostile lanciata da
Olivetti. Al centro, vi è il rilancio dell'intenzione di fondere le
attività di telefonia fissa con quelle mobili (Tim), ipotesi in un primo
tempo messa in discussione, dopo l'avallo dell'Opa dato dalla Consob. Per
convincere i soci dell'opportunità di questa mossa, sarà indetta
un'assemblea straordinaria in aprile. Secondo l'amministratore delegato,
Franco Bernabé, il merge sarebbe migliore dell'acquisizione, perché
consentirebbe di tagliare i costi, migliorare l'efficienza operativa e
alzare il titolo. é previsto anche un nuovo aumento di capitale, che
dovrebbe proprio servire per rastrellare le azioni Tim sul mercato, ma a
ciò si dovranno accompagnare anche prestiti bancari.
Bernabé ha promesso una revisione al ribasso delle tariffe, che dovrebbe
essere ripagata dalla vendita di attività non centrali e dall'affidamento
all'esterno di alcune parti amministrative.
Di fronte a questo progetto, Olivetti non è stata con le mani in mano e ha
presentato reclamo alla Consob, sostenendo che esso violerebbe le
restrizioni che impongono all'azienda di non intraprendere azioni difensive
finché l'Opa non sarà discussa dagli azionisti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome