Il PDF e la certificazione legale dei documenti

Tramite il Portable Document Format è possibile crittografare e firmare digitalmente i file. Le differenze con i formati IRM e la posta elettronica certificata.

La sicurezza è fra i punti di forza del formato PDF, principalmente per due
caratteristiche che rendono utilizzabile il formato documentale in un contesto
professionale: la crittografia e la firma digitale.

La crittografia è offerta da tutti i software PDF commerciali ed anche da soluzioni
freeware. Due sono i tipi di crittografia utilizzabili nei file PDF: sino alla
versione 4.0 del formato PDF esisteva solo la crittografia a 40 bit, mentre
da Acrobat 5.0 in poi è possibile crittografare anche a 128 bit.

Il tipo di crittografia utilizzata adotta una combinazione degli algoritmi
RC4 ed MD5 (Message-Digest algorithm 5) che è tra i più usati per garantire
l'integrità dei file tramite un hash a 128 bit. La crittografia di un PDF a
40 bit non dovrebbe essere mai usata, se non per ragioni di compatibilità con
Acrobat 4 e precedenti: essa può essere facilmente superata tramite attacchi
"key search", ed esistono persino software come PDF Password Crack
Pro in grado di superarla.

La firma digitale dei PDF con valore legale
La possibilità di firmare digitalmente i PDF è un vantaggio enorme rispetto
ad altri formati: la firma digitale consente non solo di verificare l'identità
di chi ha firmato il documento, ma anche di essere certi che il contenuto del
PDF non sia stato modificato dopo la firma stessa, cosa non possibile con altri
formati come il DOC di Word (il quale per esempio può includere macro che ne
modificano il contenuto dopo la firma digitale).

Per questo la firma digitale dei PDF ha anche valore legale in diversi paesi
del mondo, cui recentemente si è aggiunta l'Italia tramite deliberazione CNIPA
n. 4/2005 e Protocollo d'Intesa sottoscritto il 16 febbraio 2006 da CNIPA e
Adobe.

Le firme digitali in un PDF possono essere visibili o invisibili. Quelle visibili
appaiono anche come immagini nel documento, che possono rappresentare la propria
firma reale su carta, un timbro, un logo e così via a scelta di chi ha creato
la firma digitale stessa. Quelle invisibili non appaiono sul documento, ma sono
verificabili con la stessa procedura di quelle visibili ed hanno lo stesso valore.

Per usare la firma digitale è necessario creare un file Digital ID
che potrà essere usato per firmare i PDF, e un certificato di verifica che servirà
per controllarne l'autenticità e che verrà incluso nel documento PDF firmato:
si tratta di un file creato dall'utente e che, una volta in possesso di terzi,
consente loro di verificare l'autenticità della firma digitale dell'utente contenuta
nei documenti PDF.

Invece di creare il Digital ID in proprio è possibile anche far certificare
il proprio Digital ID da una Certification Autority (CA). Questa seconda modalità
(certificazione da parte di terzi, detta PKI) è considerata
generalmente come più sicura della certificazione in proprio (PPK): è un po'
come firmare il PDF davanti ad un notaio invece che da soli.

La firma digitale può essere resa ancora più sicura legando l'uso del Digital
ID ad un dispositivo hardware, ad esempio una smart card: in questo modo solo
chi ha la smart card potrà usare il Digital ID per firmare i file PDF. Firmare
digitalmente un PDF è possibile solo se esso contiene l'apposito campo dedicato
alla firma digitale, campo creabile solo con Adobe Acrobat Standard/Professional
e con pochi altri software professionali come FormRouter o PDFSignator.

Con Adobe Acrobat Reader ed Acrobat Elements è possibile firmare un PDF solo
se chi lo ha creato ha inserito i necessari “diritti” per poterlo fare sotto
forma di Reader Extensions. Dal punto di vista tecnico la firma consiste nell'integrare
il Digital ID in forma criptata nel file PDF firmato, da cui non sarà più separabile,
cosa che ha il doppio vantaggio di non consentire a terzi di estrarla per utilizzarla
e di poter garantire che il PDF non è stato modificato.

Due sono i tipi di firma digitale utilizzabili in PDF: firma di approvazione
e firma di certificazione. Nel primo caso è usata per approvare
un documento, per esempio in fase di sottoscrizione di un contratto, mentre
nel secondo caso esse certificano chi è l'autore del documento, garantiscono
che esso è integro, ed è possibile specificare quali modifiche al documento
sono consentite.

La protezione e la certificazione dei
documenti

Il formato PDF non è l'unica modo per certificare con firma digitale
un documento. Sul mercato esistono altre modalità come ad esempio:

  • l'IRM (Information Right Management) di Microsoft
    Office attraverso il quale si può impedire la visualizzazione, modifica,
    stampa, copia e inoltro di un documento
  • P7M, formato usato per la “busta crittografica”,
    ovvero un file unico che contiene i documenti, creato in base alle norme del
    CNIPA (standard RFC2315-PKCS7 1.5) che ne garantiscono la validità. Può essere
    creato da diverse applicazioni professionali per la firma digitale, come Trust
    Italia Verisign, solitamente tramite hardware con SmartCard
  • PEC (Posta Elettronica Certificata), sorta di “raccomandata RR digitale”
    che garantisce con valore legale l'invio e la ricezione di documenti
    allegati ad una e-mail, si utilizza con i normali software di posta elettronica,
    ma è accessibile solo sottoscrivendo un contratto con un Gestore PEC
    accreditato

Nella tabella seguente sono riassunte le differenze principali

Formato PDF IRM P7M PEC
Certificazione origine autentica documento no
Garanzia integrità contenuto
Non ripudiabilità da parte dell'autore no
Firma digitale per approvazione no no
Firma digitale per approvazione di più persone no no
Diritti di visione, stampa e copia contenuti no no
Scadenza temporale diritti no no no
Garanzia legale invio documenti no no no
Garanzia legale ricezione documenti no no no
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here