Il paese del bengodi a colori

L’Italia, avanposto della multimedialità on the road. Costi quel che costi.

Qualcuno, molto più in alto di noi, quest'estate ha fatto riferimento alla telefonite acuta del popolo italiano per fare un tassello al nostro stato di benessere, giungendo alla conclusione, una volta saggiatane la polpa rubizza e sugosa, che il cocomero era soddisfacente.
Una telefonite, oltretutto, mica pragmatica, da apparecchi appesi al muro per risparmiare sul canone, ma avvezza alla novità, esperta di tecnologia, alla ricerca del sofisticato con birignao da esteti.
Lungi da noi avvalorare la tesi, e quindi di farne un discorso di politica spiccia, da comari o da bar, anche se l'attuale attitudine della corporazione a cui si appartiene indicherebbe questa come la strada più comoda da imboccare. Lavoriamo sull'ipotesi, piuttosto.
E lavoriamoci con un dato che ci restituisce l'attualità.
Il bombardamento di amendoli, cecchigori, marini, giunto dopo quello di venture e digei sulla spiaggia, ha un senso, ha un fine. Anzi, ce l'ha doppio. Il primo, vendere prodotti di telefonia. Il secondo, vendere titoli.
Il prossimo piazzamento di azioni di 3 sul mercato si prospetta essere un boom. Lo pensano gli stessi manager di Hutchinson Whampoa, aggregato finanziario di Hong Kong in mano a Li Ka Shing.
Sulle coste del Guangdong hanno fatto i conti scoprendo che con la vendita di circa un quarto delle azioni 3 in Italia potrebbero ricavarci anche 2,5 miliardi di euro, uno in più di quanto pensassero al momento di pianificare l'Ipo. Segno che il mercato nazionale, con già 4,5 milioni di utenti sta andando benone.
E non è solo un fatto da Strapaese. L'offerta pubblica di vendita del magnate di Hong Kong in Italia servirà da benchmark per gli operatori 3G, dato che è la prima per tutto il settore, e darà indicazioni su come comportarsi in altri Paesi, tipo il Regno Unito.
Insomma, noi siamo l'avamposto della multimedialità on the road.
Da vantarsi? E chi lo sa. Del resto, non siamo noi anche quelli che compriamo i calzini agli iPod?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here