Il notebook costa come un cappuccino

Ministero dell’Innovazione e dell’Istruzione lanciano l’offerta agevolata per gli studenti universitari. Wi-fi per tutti

Un cappuccino al giorno. E' questo il prezzo che gli studenti universitari
dovranno pagare per dotarsi di un pc portatile. Non a caso l'iniziativa, frutto
della collaborazione tra il ministero dell'Innovazione e quello dell'Istruzione
è intitolata "Un c@ppuccino per un pc". L'idea
prevede che, già dal prossimo anno accademico, siano disponibili
condizioni agevolate per gli studenti
universitari
che vogliono acquistare un notebook
dotato di connessione a Internet anche Wi-fi. In pratica è
stato istituito un fondo di garanzia di 2,5 milioni di euro per il 2005 per
semplificare e facilitare l'accesso al credito bancario da parte degli
universitari.



Inoltre, agli studenti meritevoli in regola con
l'iscrizione e che usufruiscono di esenzione dalle tasse e dai contributi
universitari, sarà concesso un bonus governativo di 200 euro a
valere su uno specifico fondo di 10 milioni di euro. Si calcola che saranno tra
i 100 e i 200 mila gli studenti che potranno beneficiare di questa
opportunità.




Con l'operazione "Un c@ppuccino per un pc" in aggiunta al bonus governativo, gli universitari potranno usufruire di un prestito agevolato, garantito dallo Stato, che verrà rimborsato in media con un euro al giorno, il prezzo di un cappuccino, in un arco di tempo che andrà da 18 a 24 mesi in relazione all'entità del prestito.

E visto che al momento gli hot spot wi-fi nelle università
non abbondano è previsto anche un cofinanziamento di 2,5
milioni di euro per l'installazione di hot spot Wi-fi nelle aree
studenti delle università
. La campagna coinvolgerà 77 atenei statali,
in circa mille sedi, frequentate da circa un milione e mezzo di studenti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here