Il mio PC si blocca, colpa dell’alimentatore?

Ho sostituito una CPU AMD Duron da 800 Mhz con una uguale da 1300 MHz e montato un banco di RAM Infineon da 256 MB al posto del precedente da 128 MB. Alla riaccensione è andato tutto bene; il BIOS e Microsoft System Information hanno rilevato co …

Ho sostituito una CPU AMD Duron da 800 Mhz con una uguale da 1300 MHz e montato
un banco di RAM Infineon da 256 MB al posto del precedente da 128 MB. Alla riaccensione
è andato tutto bene; il BIOS e Microsoft System Information hanno rilevato
correttamente i nuovi componenti e non venivano rilevati problemi hardware e software.
Purtroppo, già alla prima sessione di lavoro, il sistema, dopo circa una
quindicina di minuti di lavoro, si è totalmente spento e riacceso da solo.
In seguito ho avuto numerosi blocchi con schermo blu, gli ultimi dei quali dicevano:
si è verificato un errore premere invio per tornare a Windows... nome file
: VMN (01) + 00012B69 errore : OE :0028 : C0013B69.

Sara

L’aleatorietà del difetto e il fatto che sia sorto solo dopo l’aggiornamento,
fanno pensare a un problema nell’alimentazione. Il Duron
a 1300 MHz assorbe molta più corrente del modello a 800 MHz e potrebbe
mandare in crisi un alimentatore di potenza non adeguata.
Ma potrebbe anche trattarsi di un problema dovuto a un’impostazione
scorretta della tensione
di alimentazione della CPU nel BIOS, della
memoria di sistema difettosa o di un problema elettrico
della scheda madre
.
La prima operazione che consigliamo di fare è controllare se la tensione
di alimentazione del processore è corretta. Sulla piastrina della CPU
è stampigliata una sigla con le caratteristiche di alimentazione.
Partendo da sinistra la prima lettera è il tipo di processore, la D sta
per Duron. Segue la frequenza operativa della CPU, quindi una lettera che indica
il tipo di package (A=PGA). La lettera successiva è la tensione di alimentazione:
S=1,5 V; U=1,6 V; P=1,7 V; N=1,8 V.
Controllate nei parametri del BIOS che la tensione di alimentazione
impostata corrisponda alla tensione richiesta dal processore, nel dubbio impostatela
manualmente.
Se questa parte è a posto provate a sostituire la memoria di sistema
con il vecchio modulo. Se il difetto si manifesta ancora rimettete il modulo
di memoria da 256 MB e provate a sostituire il nuovo processore con il precedente
a 800 MHz.
Se cambiando il processore il sistema funziona correttamente le possibilità
sono due: la potenza dell’alimentatore è insufficiente oppure la
scheda madre ha qualche problema.
Le CPU di AMD richiedono un alimentatore di discreta potenza,
almeno 250 W. Nel caso che l’alimentatore sia di potenza adeguata allora
si tratta della scheda madre che potrebbe avere un sistema di regolazione tensione
non adeguato oppure qualche problema elettrico a causa della maggiore frequenza
del processore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome