Il malware di oggi è Crisis

È multipiattaforma: colpisce sistemi Windows, Mac e anche quelli virtualizzati con Vmware.

I tecnici dei laboratori di Kaspersky e Symantec hanno lanciato l'allerta dopo l'individuazione di un nuovo malware che è stato concepito per aggredire non soltanto i sistemi Windows ma anche MacOs X ed addirittura macchine virtuali in formato Vmware.

Il trojan in questione è stato battezzato Crisis e viene veicolato in Rete sotto forma di un falso file d'installazione del pacchetto Java.
In realtà, una volta andato in esecuzione, il malware sfrutta codice Java per infettare il sistema in uso.

Le indagini iniziali avevano fatto ritenere che Crisis fosse un malware pensato unicamente per gli utenti MacOs X; ulteriori investigazioni, però, hanno messo in luce come il trojan sia in grado di diffondersi sulle macchine Windows, di replicarsi autonomamente, di creare un file autorun.inf nella cartella radice di chiavette Usb ed unità rimovibili, di infettare macchine virtuali Vmware.

Stando all'analisi pubblicata da Symantec, Crisis non s'insedierebbe nelle macchine virtuali Vmware sfruttando delle vulnerabilità software ma infetterebbe direttamente il file della virtual machine memorizzato su disco; inoltre, non è necessario che il sistema operativo guest sia in esecuzione.

Takashi Katsuki, ricercatore Symantec, ricorda come molti malware si astengano dall'effettuare determinate operazioni quando rilevano una macchina virtuale in esecuzione.
Ciò accade perché nella macchina virtuale potrebbe essere installato software aggiuntivo in grado di diagnosticare tempestivamente l'azione di eventuali malware.

Il fatto che gli autori di Crisis si siano concentrati anche sulle macchine virtuali Vmware può essere l'indizio dei primi tentativi di ampliare il campo di battaglia, nell'intento di alterare anche il funzionamento delle virtual machine.

Crisis si configura come uno dei pochi malware multipiattaforma: basti pensare che il trojan è in grado di prendere di mira anche i dispositivi a cuore Windows Phone.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here