Il codice di Stuxnet va in Rete, sul mercato nero

Cresce la preoccupazione per i possibili sviluppi di una generica disponibilità del malware che colpisce i sistemi industriali.

Il worm Stuxnet starebbe già circolando in Rete, sul "mercato nero". Lo sostengono alcuni ricercatori inglesi che però non chiariscono se in Rete si stia diffondendo il codice sorgente del malware oppure semplici campioni in formato binario.

Il virus si è diffuso sfruttando, innanzi tutto, alcune falle di Windows completamente sconosciute. Un aspetto, questo, che ha immediatamente fatto suonare il campanello d'allarme ai tecnici di molte aziende impegnate nello sviluppo di strumenti antimalware.

La Rete, infatti, è il veicolo preferito per la diffusione di centinaia di malware che, generalmente, fanno leva su vulnerabilità note del sistema operativo o delle applicazioni (in molti casi, per ciascuna di tali falle, i rispettivi produttori hanno già rilasciato una patch risolutiva mentre in altre situazioni l'aggiornamento non è disponibile ma sul web sono già pubblicati i codici exploit per condurre attacchi).

Nel caso di Stuxnet, invece, gli autori del worm sembrano non aver fatto tesoro di informazioni note. Ciò ha fatto pensare, nel caso di Stuxnet, all'azione di coordinata di un team di esperti, tesa a bersagliare - in modo mirato - alcune tipologie di sistemi di automazione industriale.

Gli esperti di sicurezza britannici, in seguito alla diffusione di informazioni sul funzionamento di Stuxnet, cominciano a temere l'eventualità che i terroristi possano utilizzare un cliché simile per aggredire infrastrutture d'importanza critica.

Will Gilpin, consulente del governo inglese avrebbe dichiarato che worm simili a Stuxnet possono "bloccare il funzionamento delle centrali elettriche o causare malfunzionamenti ai sistemi usati per la gestione dei trasporti".

Il tono è certamente allarmistico e le potenzialità perché qualcuno sviluppi un malware simile a Stuxnet ci sono tutte. Va però ricordato, per "bilanciare" quanto riprotato da alcuni organi di stampa, che il payload di Stuxnet è molto specifico e non può essere utilizzato, così com'è, per disabilitare qualunque centrale elettrica, stazioni di pompaggio, impianti semaforici e così via.

Questi tipi di attacchi sono e restano appannaggio di persone dotate di una conoscenza specifica sulle vulnerabilità presenti negli obiettivi da attaccare e non sono certo sfruttabili su vasta scala.

Ciò non toglie che Stuxnet resti ad oggi uno dei più sofisticati strumenti d'infezione per i sistemi industriali: il worm è capace di utilizzare le comuni chiavette USB e le risorse condivise in rete locale per diffondersi (molti impianti industriali non sono direttamente connessi alla rete Internet) interfacciandosi poi con i PLC (Programmable Logic Controller) impiegati nella nella gestione dei processi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here