Ifnet diventa di OCLC: più servizi e software per i bibliotecari

OCLC, acronimo di Online Computer Library Center, cooperativa bibliotecaria globale no-profit, che attraverso OCLC WorldShare offre un portfolio completo di applicazioni e sevizi per la gestione delle biblioteche realizzato su una piattaforma cloud aperta, ha annunciato il perfezionamento dell’acquisizione di Ifnet, distributore di servizi e software per l’automazione delle biblioteche in Italia.

Fondata nel 1985 da un gruppo di bibliotecari con l’obiettivo di creare un punto di riferimento nazionale per l’automazione dei servizi per le biblioteche, quella che all’epoca si chiamava If collabora da oltre vent’anni con OCLC per offrire supporto ai suoi servizi alle biblioteche nel nostro Paese.

In un’unica organizzazione competenze e skill

In tal senso, la sua acquisizione attraverso la sua società controllata OCLC EMEA ha tutta l’aria di voler riunire in un’unica organizzazione competenze e skill per espandere i servizi e il supporto ai bibliotecari garantendo un’ulteriore integrazione con le soluzioni informatiche cloud-based offerte alle biblioteche italiane.

A tal fine, una comunicazione ufficiale ha già fatto sapere che i sei membri del team di Ifnet entreranno a far parte di OCLC: Gabriele Lunati come amministratore delegato, mentre il nuovo presidente del CDA di Ifnet è ora Eric van Lubeek, Presidente di OCLC EMEA, mentre Indy Singh, responsabile amministrativo di OCLC EMEA neentra a far parte in qualità di consigliere.

Per tutti la focalizzazione sarà nell’offrire e promuovere i servizi OCLC di Library Management, Resourse Sharing, Digital Collection Management, Discovery & Syndication, Cataloging & Metadata, presso le biblioteche in Italia. Attraverso quest’ultimi i bibliotecari membri, in stretta collaborazione, producono e mantengono WorldCat, il più ampio network globale di dati sulle biblioteche e i servizi.

Bibliotecari verso un approccio collaborativo

Come parte di OCLC, Ifnet, le cui attività per tutte le biblioteche, incluse quelle pubbliche, speciali, universitarie e aziendali, così come per i centri di documentazione, includono la distribuzione e l’implementazione di software per l’automazione delle biblioteche, consulenza e supporto per progetti di conversione, formazione, servizi di catalogazione, e progetti di costruzione di thesauri, potrà focalizzarsi sull’opportunità di aiutare i bibliotecari a beneficiare dell’approccio cooperativo di OCLC ai servizi e ai sistemi di gestione delle biblioteche.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome