Ibm rinnova Db2 in direzione e-business

Big Blue è in procinto di lanciare una versione aggiornata del proprio database che apporterà sostanziali miglioramenti, in termini di semplici tà e velocità, nello sviluppo di applicazioni e-business. Db2 Universal Database

Big Blue è in procinto di lanciare una versione aggiornata del proprio
database che apporterà sostanziali miglioramenti, in termini di semplici

e velocità, nello sviluppo di applicazioni e-business. Db2 Universal
Database 6.1 sarà disponibile dal prossimo luglio e funzionerà, stando a
lle
dichiarazioni del produttore, con piattaforme operative Unix di Ibm e Hp,
oltre che con Os/2, Sun Solaris, Windows 98 e Nt. Alla maggiore semplicità
di utilizzo, si aggiunge un nuovo tool grafico che consentirà di costruire
applicazioni utilizzando il linguaggio Java, aprendo di fattoil database
verso qualsiasi tipo di ambiente. Big Blue avrebbe anche intenzione di
cambiare, in modo un po' curioso, le modalità di pagamento delle licenze
del software, basandole non più sul numero di utenti, bensì sul numero d
i
microprocessori impegnati nel funzionamento dell'applicazione. Il nuovo Db2
costerà, quindi, 12mila 500 dollari per processore, ma solo nel caso si
tratti di grandi realtà. La politica di pricing per una versione ridotta
del database, destinata allo small-medium business, rimarrà pertanto basat
a
dul numero degli utenti. Alla base di questa strategia vi sarebbe
l'impossibilità di determinare il numero esatto di persone che utilizza il
database in applicazioni e-business basate su Internet. Più avanti nel
corso dell'anno arriveranno altre versioni di Db2: una, "leggera",
destinata al mondo dei portatili; l'altra pensata per i dispositivi
handheld. Quest'ultima, denominata Db2 Everywhere, consentirà di
sincronizzare i dati con le informazioni contenute nelle reti aziendali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here