Ibm ringiovanisce il software dei server, predicendone i guasti

Ibm ha realizzato un software che funziona quando un server è prossimo a un crash e deve essere spento con sicurezza. Il prodotto utilizza l’intelligenza artificiale per predire quando il software server sta per chiudersi. Fino ad ora, infatti, …

Ibm ha realizzato un software che funziona quando un server è
prossimo a un crash e deve essere spento con sicurezza. Il prodotto
utilizza l'intelligenza artificiale per predire quando il software
server sta per chiudersi. Fino ad ora, infatti, i server sui quali
funzionano le reti di dati aziendali e i siti Web, dovevano essere
spenti regolarmente e riavviati per evitare le molte cadute del
software, che comunque, non erano prevedibili. I nuovi strumenti si
inseriscono nel settore dello sviluppo di software "self-healing",
dedicato alla riduzione del costoso down time dei server. Ibm e i
suoi rivali, come Sun Microsystems, vendono i propri prodotti con un
software che reagisce ai problemi o trasferisce automaticamente gli
aggiornamenti da Internet. Secondo la casa di Armonk, la nuova
feature denominata "software rejuvenation" è la prima che permette di
predire i guasti, grazie alla sua natura proattiva, anziché reattiva.
Lo strumento di "software rejuvenation" di Ibm quantifica il lavoro
di un server e ne valuta lo stress al quale è sottoposto. Se il
guasto viene predetto, il software può programmare automaticamente il
down time, trasferire le operazioni ad altri server e riavviare il
dispositivo sospetto. La feature di "ringiovanimento" farà parte di
un package software denominato Ibm Director, che verrà rilasciato con
i server xSeries. Queste macchine funzionano con processori Intel e
sistema operativo Windows Nt, ma lo strumento di Ibm funzionerà
presto anche su server operanti col sistema operativo Linux.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here