Ibm rende più sicure le WLan

La società ha messo a punto un nuovo tool software, chiamato Wireless security auditor, in grado di indentificare le vulnerabiltà agli attacchi degli hacker nelle wireless LAN a standard 802.11.

La società ha messo a punto un nuovo tool software, chiamato Wireless security auditor, in grado di indentificare le vulnerabiltà agli attacchi degli hacker nelle wireless LAN a standard 802.11. Il tool è attualmente un prototipo ed è stato sviluppato come applicazione Linux per il Pda iPaq di Compaq. Non sono ancora noti i tempi di rilascio del prodotto, che può essere richiesto dagli specialisti si sicurezza per il beta testing. Il progetto nasce da esigenze interne di Ibm, che utilizza le reti locali senza fili in modo crescente. Secondo i ricercatori di Big Blue, infatti, la fragilità delle WLAN è ormai dimostrata. Queste usano, in generale, il protocollo di crittografia WEP (Wired Equivalent Privacy), la cui permeabilità è già stata resa nota da diversi mesi.
Il nuovo tool fornisce informazioni dettagliate su ogni access point della rete e segnala, attraverso un'opportuna colorazione rossa, quelli vulnerabili, ovvero attaccabili da hacker dotati di portatili con funzionalità WLAN.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome