Home Software Sviluppo Ibm Accessibility Checker, il tool per capire l'efficacia dei siti web

Ibm Accessibility Checker, il tool per capire l’efficacia dei siti web

In occasione del Global Accessibility Awareness Day (GAAD), il team Accessibility di Ibm ha rilasciato una nuova funzionalità di report multiscan nel tool open source Accessibility Checker.

Lo strumento ora rende ancora più facile scoprire e risolvere problemi multipli di accessibilità in un intero sito web.

L’Accessibility Checker è uno strumento dell’Equal Access Toolkit che dà agli sviluppatori e ai tester informazioni sull’accessibilità delle loro pagine web, compresa l’identificazione di ciò che è sbagliato, perché dovrebbe essere corretto e come affrontarlo.

Le estensioni per i browser Chrome e Firefox per questo strumento hanno più di 6.500 download. I plug-in continuous integration per Node e Karma hanno una media di 20mila download a settimana, ha sottolineato il team di Ibm.

Parlando con gli utenti dello strumento, il team racconta di aver imparato che molti sviluppatori e tester stanno lavorando sul flusso della user experience di un utente attraverso la loro intera applicazione o sito, piuttosto che su una singola pagina.

Ibm ha ascoltato questo feedback e alla luce di questa richiesta ha progettato e costruito il nuovo strumento multi-scan in modo che gli utenti possano scansionare più pagine e memorizzare i risultati durante la stessa sessione.

Ibm Accessibility Checker

La nuova funzionalità multi-scan esamina un intero sito o un’app web con semplici clic sulla pagina.

Poi, riunisce tutti i risultati in una singola cartella di lavoro Excel in modo da poter esportare un riassunto di tutto ciò che è stato trovato.

Lo strumento offre allo sviluppatore la possibilità di valutare un’intera pagina, tutte le occorrenze di un singolo elemento o solo un componente. Inoltre, permette di filtrare in modo robusto i risultati.

È possibile visualizzare per ruolo, requisiti o regole, oppure filtrare per violazioni, necessità di revisione, raccomandazioni.

Il tool di Ibm permette di selezionare un elemento del risultato della scansione (cioè una violazione) e di evidenziare dove si trova quel problema nel codice e nella pagina.

Si può vedere cosa esattamente è sbagliato nel codice e sullo schermo allo stesso tempo.

Tutto ciò aiuta a ridurre drasticamente il carico di lavoro dando la possibilità di testare la propria applicazione e gli stati dinamici senza forzare il ricaricamento della pagina.

L’Accessibility Checker di Ibm offre la possibilità di etichettare ogni scansione e fornisce comode miniature del contenuto scansionato, per aiutare l’utente a scegliere quali scansioni includere nel rapporto.

Avere tutti i problemi riuniti in un unico report aiuta il team a dare la priorità al lavoro che può interessare molte pagine della user experience.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php