I dischi di Western Digital arrivano a 30 Gb per piatto

Sembra che i limiti nella densità di registrazione su supporto magnetico possano essere superati. Ci prova Western Digital, con Caviar, una nuova gamma di dischi capaci di memorizzare fino a 30 Gb per piatto, con modelli da 30, 40 e 60 Gb. In qu …

Sembra che i limiti nella densità di registrazione su supporto
magnetico possano essere superati. Ci prova Western Digital, con
Caviar, una nuova gamma di dischi capaci di memorizzare fino a 30 Gb
per piatto, con modelli da 30, 40 e 60 Gb. In questo modo, il
costruttore ha sviluppato una densità di registrazione del 50%
superiore a quella oggi disponibile su prodotti concorrenti, come
quelli di Ibm, Seagate o Maxtor, che arrivano a un massimo di 20 Gb
per piatto.
Attualmente i dischi, di solito dotati di due piatti, posseggono
quattro testine di lettura-scrittura. Oltre alla densità superiore, i
prodotti di Western Digital approfittano di una nuova tecnologia di
"preamplificazione differenziale" del segnale, destinata a eliminare
i rumori parassiti e ad accrescere il tasso di trasferimento dei
dati. I nuovi Caviar, tuttavia, restano per ora limitati a una
velocità di funzionamento di 5.400 transazioni al minuto. Ci sono
prodotti che sono in grado di fare meglio (il DiamondMax di Maxtor a
5.400 tr/min o il DeskStar 75Gxp di Ibm a 7.200 tr/min), ma essi
posseggono un numero di piatti superiore. Dunque, Western Digital
senbra oggi prendere un vantaggio sul fronte della densità di
registrazione, ma i rivali sembrano aver scelto di aspettare
direttamente la possibilità di produrre in volume futuri dischi da 40
Gb per piatto, oggi già in forma di prototipo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here