I CIO e il nodo della conformità

Il 36% dei CIO italiani, si legge nel rapporto, vive come più stringenti e di fatto più importanti le normative emesse dall’Unione Europea rispetto a quelle del Bel Paese. I risultati in un’indagine condotta da Forrester Consulting per conto di Colt Technology Services.

Tra Italia ed Europa, vince l'Europa.
Almeno così sembrerebbe analizzando i risultati di una indagine condotta da Forrester Consulting e promossa da Colt Technology Services su un panel di CIO di otto Paesi europei, Italia inclusa.

Il 36% dei CIO italiani, si legge nel rapporto, vive come più stringenti e di fatto più importanti le normative emesse dall'Unione Europea, tra le quali la Data Protection Directive (Direttiva 95/46/EC sulla protezione degli individui riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali) rispetto a quelle italiane.
Un sentimento europeista che i CIO nostrani condividono con i loro colleghi, visto che a livello complessivo la percentuale di coloro che danno maggiore rilievo alle norme europee si attesta in ogni caso al 30%.

Questi dati vanno comunque relativizzati.
Così, se è importante che il numero di CIO europeisti sia significativo, lo è forse ancor di più il fatto che, nell'insieme, l'85% dei CIO consideri la compliance normativa parte fondamentale della loro strategia ICT.

Tuttavia la cesura, come spesso accade, è tra le intenzioni e la realtà.
I CIO dichiarano di conoscere la normativa (88%), ma poi quando arriva il momento di adeguarvisi, l'86% dei rispondenti si avvale del lavoro di un team legale competente, in grado di gestire tutti gli adepimenti a loro carico: in gioco c'è la reputation aziendale, che potrebbe risultare fortemente danneggiata dalla perdita o dala gestione non corretta dei dati dei clienti.

Questa attenzione diventa ancora più cruciale quando un'azienda sceglie, cosa che accade sempre più di frequente, di operare in mercati geografici adiacenti e dunque con un respiro internazionale: è qui che entra in gioco l'adesione alle norme europee.
Per i CIO è fondamentale decidere con consapevolezza dove mantenere volumi di dati crescenti su clienti e dipendenti. E spesso la scelta ricade proprio su quel fornitore di servizi che garantisce la permanenza dei dati nel loro stesso Paese.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here