I 10 errori da evitare nella gestione delle Soa

I “servizi fuori controllo” costituiscono un elemento di forte incertezza nelle Service Oriented Architecture. Le percezioni e le realtà nel decalogo compilato da Progress Software.

I rogue service (servizi fuori controllo) sono fra gli errori principali nella
gestione e governance delle Soa. Lo sostiene Progress Software che ha compilato
un decalogo sulle concezioni errate che i Cio devono focalizzare per gestire al
meglio le Soa.

I servizi fuori controllo sono servizi Web non gestiti correttamente o addirittura
sconosciuti agli ignari It manager. Nel peggiore dei casi, un rougue service
non risulta conforme alle policy di business, portando a situazioni non solo
costose, ma anche potenzialmente dannose. Per questo è importante l’aggiunta
di strumenti di gestione delle Soa in grado di identificare i servizi non correttamente
catalogati all’interno del repository Soa.

Di seguito, una compilation delle principali assunzioni sbagliate nella gestione
di una Soa, secondo Progress Software

  • Percezione: i rougue service sono il risultato di codice maligno implementato
    dai cracker
    Realtà: non sempre. I pacchetti applicativi possono contenere servizi
    non ben identificati utilizzabili con obiettivi diversi dai quali sono stati
    creati
  • Percezione: l’infrastruttura di sicurezza evita la proliferazione
    di rogue service
    Realtà: i rogue service possono minare le basi della sicurezza aziendale,
    rendendo vulnerabili dati confidenziali
  • Percezione: i rogue service sono fastidiosi, ma non pericolosi
    Realtà: i rogue service possono portare a gravi problemi tecnici e
    di business
  • Percezione: i pacchetti applicativi sono il principale veicolo per i rogue
    service
    Realtà: i pacchetti applicativi sono un dei veicoli (come i software
    proprietari o quelli realizzati da consulenti esterni) per i rogue service
  • Percezione: la gestione delle Soa significa compilare un elenco dei Web
    service in produzione
    Realtà: l’elenco dei Web service attivi non significa gestione
    delle Soa. La lista in sé non garantisce il fatto che l’azienda
    abbia una visione complessiva di tutti i servizi in attività.
  • Percezione: una serie di Web service è sinonimo di Soa pienamente
    a regime
    Realtà: i Web servizi non gestiti sono potenzialmente dei servizi fuori
    controllo e aprono la porta a servizi ridondanti, che minano i benefici delle
    Soa.
  • Percezione: una moltitudine di service comprende un’architettura
    Realtà: i servizi realizzati come parte di una Soa devono essere gestiti
    e governati
  • Percezione: identificare i rogue service è un processo arduo e difficile
    Realtà: si possono implementare sistemi di gestione dei Web service
    in grado di identificare e mettere automaticamente in quarantena rogue service
  • Percezione: per ridurre i rischi è necessario aggiungere ulteriori
    regole restrittive all’architettura
    Realtà: attualmente, la complessità fa aumentare il rischio.
    Le società dovrebbero definire poche chiare regole da seguire pedissequamente
  • Percezione: la gestione automatizzata delle Soa riduce il rischio legato
    ai rogue service
    Realtà: le organizzazioni It devono integrare tecnologia e salto culturale
    in un mix che consenta di definire una strategia Soa vincente
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here