Hummingbird aggiorna la piattaforma Genio Suite

La versione 5.0, che verrà rilasciata ad agosto, includerà il supporto nativo a Xml.

La piattaforma Genio Suite di Hummingbird per l’integrazione dei dati permetterà tra breve il supporto nativo per Xml, fornendo funzionalità di scambio dati in tempo reale alle società che devono distribuire e analizzare i file che risiedono su differenti sistemi. Genio Suite 5.0, che sarà rilasciato ad agosto, supporterà nativamente Xml, il che significa che Xml non sarà alterato in un flat file (ossia file che non sono collegati o hanno una relazione) e potrà essere immediatamente distribuito tra sistemi utilizzando il protocollo di messaging. Attualmente, Genio Suite legge Xml come ogni file di testo, senza elaborare i tag Xml, mentre nella versione 5.0, Genio potrà leggere la struttura Xml e portare facilmente i dati all’interno di diversi tag Xml. Altri aggiornamenti nella versione 5.0 includono una maggiore integrazione con Sap. Questo spinge Hummingbird in competizione con altri vendor quali Ibm e il proprio software MqSeries, che utilizza middleware orientato ai messaggi per integrare le piattaforme. Genio Suite 5.0 includerà questa tecnologia di messaging e i propri strumenti di estrazione di database standard. La versione precedente della suite poteva accedere ai dati mainframe ma le informazioni erano trasformate in flat file prima di essere scambiate. Genio Suite 4.7 incorpora la tecnologia di Strivia, che permette alle aziende accesso non relazionale ai data store come Virtual Storage Access Method, Keyed Sequence DataSet ed Entry Sequence DataSet. La nuova versione può accedere anche ai dati da As/400, da Adabas nelle versioni 6 e 7, e dalle librerie storage mainframe Ibm Multiple Virtual Storage. Inoltre, la versione 4.7 fornisce il supporto a Oracle 8.1.7 e alla nuova interfaccia Open Database Connectivity per le piattaforme Unix, mentre non fornisce l’integrazione dei dati in real time.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome