Hana, Azure e Office 365 al centro della nuova alleanza Sap – Microsoft

È salito sul palco di Sapphire Now, l’evento che si svolge in questi giorni a Orlando e che riunisce la comunità internazionale degli utenti e dei partner di Sap, insieme a Bill McDermott, Satya Nadella.
bill_mcdermott_satya_nadellaPer i due Ceo un palco condiviso per spiegare quale nuova direzione prenderà la loro collaborazione.
Integrazione è la parola chiave: “Insieme vogliamo portare nuovi livelli di integrazione tra i nostri prodotti, così da offrire nuovi strumenti di collaborazione, nuovi insights, nuovi livelli di cloud ai nostri clienti”, è l’impegno.
Che concretamente si traduce in una serie di strumenti e certificazioni che uniscono Sap Hana e Azure, Office 365 e le soluzioni cloud di Sap.
Tre i nuovi assi della collaborazione.

1Hana su Azure

Si parte dalla certificazione di Sap Hana su Azure. In questo caso, si apre la possibilità alle imprese di effettuare il delivery in cloud di applicazioni mission critical e analisi dei dati con la garanzia di rispetto dei livelli necessari di sicurezza e compliance. Più semplicemente, Sap Hana è in grado di far girare workload Hana, inclusi S/4 Hana, su Microsoft Azure.

2Integrazione tra le soluzioni Sap e Office 365

Il secondo livello di integrazione punta a unire alcuni degli elementi chiave di Office 365, vale a dire gli strumenti di comunicazione, collaborazione, i calendari, i documenti e altri dati, con le cloud solution di Sap, a partire da Concur per passare a Fielglass, da SuccessFactors ad Ariba.
L’obiettivo è quello del miglioramento della produttività per chi normalmente, durante la sua attività lavorativa giornaliera, già utilizza entrambi gli ambienti.
Le nuove funzionalità saranno disponibili nel corso del terzo trimestre dell’anno e altre verranno aggiunte successivamente.

3Integrazione tra Fiori e Intune

Il terzo livello di integrazione guarda infine al mondo delle App. Sap consentirà ai proprio utenti di sviluppare App Fiori su Hana Cloud Platform, utilizzando un framework open standard. All’interno di questo framework, gli sviluppatori potranno realizzare app che possono essere gestite, rilasciate e protette con Microsoft Intune, che dunque potrà essere integrato nelle app stesse.
Anche in questo caso il rilascio è previsto per il terzo trimestre dell’anno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome