Home Digitale Google Workspace, il 15 marzo finisce il supporto per Internet Explorer 11

Google Workspace, il 15 marzo finisce il supporto per Internet Explorer 11

Non è, naturalmente, una notizia improvvisa: verso la fine dello scorso anno la società di Mountain View aveva infatti annunciato che Google Workspace avrebbe smesso ufficialmente di supportare Internet Explorer 11 (IE11) il 15 marzo 2021.

Ora Google ha voluto indirizzare un reminder agli utenti che, per evitare qualsiasi possibile interruzione del servizio a causa di prestazioni degradate, vulnerabilità di sicurezza o altro, devono assicurarsi di passare a un altro browser prima di quella data.

Agli amministratori Google ha consigliato di incoraggiare gli utenti di Internet Explorer 11 nella propria organizzazione a passare a un browser supportato il prima possibile. Per gli utenti finali, non c’è che da prepararsi per tempo a questo cambiamento.

La società di Mountain View, nel proprio sito di assistenza, elenca tutti i browser supportati da Google Workspace.

Gli ultimi rilasci hanno aggiunto alcune nuove funzionalità in Google Workspace.

In Google Workspace for Education Fundamentals o Education Plus, quando un host lascia la riunione ora può scegliere se mantenere gli altri nella call o se invece terminarla e far uscire anche tutti gli altri.

Google Workspace

Ancora: per gli utenti è ora più facile trovare il file originale per i file video o audio memorizzati in Google Drive e incorporati in una presentazione di Google Slides. In Google Slides, è possibile fare clic sul nuovo pulsante Link to Drive su un video o un file audio incorporato per aprire rapidamente il file di origine in Drive. Questa funzione, sottolinea Google, è utile per controllare l’accesso a un file prima di condividere una presentazione in modo più ampio.

Google Workspace

C’è una novità anche per Google Calendar. In passato, quando una room rifiutava una riunione di Calendar, gli utenti potevano non accorgersene fino all’ultimo minuto, lasciando tutti senza una sala. Una nuova funzione fa ora sì, se attivata, che Calendar cerchi automaticamente di trovare e prenotare una sala sostitutiva di dimensioni simili, nello stesso edificio e con le stesse attrezzature.

L’organizzatore e gli ospiti dell’evento riceveranno un’e-mail che li informerà della nuova stanza prenotata.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php