Home Digitale Google Meet, domande e sondaggi per riunioni di successo

Google Meet, domande e sondaggi per riunioni di successo

Sono in arrivo in Google Meet due funzionalità che possono rivelarsi utili per aumentare l’engagement tra i partecipanti ai meeting: esse sono le domande e risposte e i sondaggi.

Il roll out graduale di queste nuove funzionalità, a partire dall’8 ottobre, impiegherà fino a quindici giorni affinché esse siano visibili e utilizzabili da parte degli utenti.

La nuova funzione Q&A in fase di deployment per Meet offre un modo semplice per coinvolgere meglio il pubblico e aiutarlo a trovare una risposta alle domande che sorgono durante un meeting video, sia al lavoro che a scuola. Ad esempio, in ambito education, l’opzione Q&A potrebbe essere preziosa utilizzata dagli studenti come un modo strutturato per porre domande sul contenuto della lezione e ottenere risposte dai docenti.

Le aziende potrebbero invece usare le domande e risposte, ad esempio, per aiutare a rendere i meeting più accoglienti e inclusivi, dando a tutti la possibilità di porre domande, anche a coloro che hanno un carattere più pacato, o che partecipano da un ambiente rumoroso o che hanno bisogno di più tempo per elaborare i loro pensieri.

I partecipanti possono inviare e dare un up alle domande preferite senza interrompere il flusso della call, in modo che il meeting possa svolgersi in modo più fluido.

Gli host e i moderatori possono attivare facilmente la possibilità di porre domande. I partecipanti, a loro volta, possono porre le proprie domande e interagire con quelle degli altri mediante il pollice su. I moderatori possono poi scegliere di rispondere alle domande con più up o più rilevanti. Al termine del meeting, gli host riceveranno automaticamente un’e-mail contenente un’export di tutte le domande presentate, in modo da poter dare seguito a quelle che durante la riunione dovessero essere rimaste senza risposta.

Google Meet

Grazie alla funzione Polls, i sondaggi possono diventare un ottimo metodo per tastare rapidamente il polso del pubblico in Google Meet. Ad esempio è possibile usare i sondaggi per identificare gli argomenti che necessitano di una maggiore discussione o per verificare la comprensione del contenuto della riunione. In questo modo gli utenti aziendali possono facilmente ottenere un feedback in tempo reale dai loro colleghi e i team sales possono rendere le presentazioni di vendita ai potenziali clienti più coinvolgenti e interattive.

I sondaggi in Meet assicurano non solo che gli host possano ottenere il feedback di cui hanno bisogno, ma anche che i membri del pubblico possano far sentire il loro parere, offrendo cos’ in Google Meet un’esperienza di meeting complessivamente più coinvolgente, produttiva e divertente.

Con i sondaggi in Meet, i moderatori possono impostare più domande, visibili solo da loro, e lanciare il sondaggio al momento giusto durante la riunione. Una volta chiuso il sondaggio, gli organizzatori del meeting riceveranno un rapporto con il conteggio dei risultati. Il moderatore può quindi condividere i risultati del sondaggio in modo che i partecipanti possano vedere un diagramma a barre riassuntivo. I moderatori riceveranno anche automaticamente un’e-mail contenente l’esportazione dei dati del sondaggio in Google Sheets.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php