Home Cloud Google Cloud, le Region italiane abilitano il business dei partner

Google Cloud, le Region italiane abilitano il business dei partner

A poco più di un mese dal lancio delle due nuove region cloud italiane, la prima già operativa a Milano e la seconda in arrivo nei prossimi mesi a Torino, Google Cloud collabora con un esteso ecosistema di partner qualificati per generare valore e dare una spinta all’economia e alla digitalizzazione dell’Italia.

I partner ricoprono un ruolo chiave nell’ambito dello sviluppo delle cloud region italiane di Google e a loro volta potranno beneficiare delle nuove infrastrutture: uno studio indipendente degli Osservatori Digital Innovation e del gruppo Energy & Strategy del Politecnico di Milano calcola che, grazie alle Google Cloud region di Milano e Torino, la filiera digitale potrà godere di una maggiore attenzione verso i temi di digitalizzazione, generando un nuovo mercato per i partner stimato intorno a 1.904 milioni di euro nel triennio 2023-2025.

“La digitalizzazione rappresenta un propulsore per la ripresa economica e la competitività e in questo contesto, il cloud costituisce un asset cruciale”, commenta Fabio Fregi, Country Manager Italy di Google Cloud. “Le Google Cloud region di Milano e Torino favoriscono lo sviluppo di percorsi virtuosi in grado di supportare la crescita digitale di tutto il Paese e grazie al sostegno dei nostri partner esperti e altamente qualificati, le aziende italiane potranno davvero trarre il massimo valore da queste infrastrutture”.

google cloud 2022 fabio fregi
Fabio Fregi

Tim – partner strategico del progetto con la propria cloud company Noovle –  riveste un ruolo fondamentale nel fornire le infrastrutture di data center a cui si appoggiano le region di Google Cloud. Ma è tutto l’ecosistema di partner italiani o internazionali a essere particolarmente strutturato. Per citarne solo alcuni: Accenture, Bip, Capgemini, Deloitte, Huware, Injenia, NTT DATA, Reply e SAP.

Importanti realtà che contribuiranno a promuovere la trasformazione digitale delle imprese, favorendo lo sviluppo dell’ecosistema digitale italiano, traendo vantaggio dalle due Google Cloud region sul territorio nazionale, che permetteranno di fornire servizi cloud veloci, affidabili e sicuri e sviluppare applicazioni ad alta disponibilità e bassa latenza. Il tutto nel rispetto del controllo, della sovranità dei dati e dei valori di sostenibilità che fanno di Google Cloud, il cloud più pulito del settore. L’attenzione all’impatto ambientale delle nuove infrastrutture di Google Cloud è confermato anche dallo studio del Politecnico di Milano che ha stimato che le region di Milano e Torino consentirebbero un risparmio a livello di emissioni pari a circa 47.640 tonnellate di CO2/anno.

Leggi tutti i nostri articoli su Google Cloud

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php