Home Cloud Google Cloud lancia le virtual machine Tau per i workload scale-out

Google Cloud lancia le virtual machine Tau per i workload scale-out

Google Cloud ci spiega che in ambito data center i carichi di lavoro scale-out sono quelli che richiedono la migliore combinazione di prestazioni e prezzo per ridurre il costo di fornitura delle applicazioni fornendo al contempo un’eccellente user experience.

A questo scopo la società ha annunciato che la disponibilità di una nuova famiglia di macchine virtuali, Tau VM, è in arrivo su Google Cloud.

Le Tau VM estendono l’offerta delle VM di Compute Engine con una nuova opzione ottimizzata per prestazioni convenienti di carichi di lavoro scale-out.

Google Cloud VM

T2D, il primo tipo di istanza della famiglia Tau VM, è basato su processori Amd Epyc di terza generazione e offre VM per workload scale-out studiate per ottenere ottimi risultati sia in termini di prestazioni che di costo totale di proprietà (TCO) del carico di lavoro.

La compatibilità x86 fornita da queste VM basate su processori Amd Epyc, mette inoltre in evidenza Google Cloud, offre miglioramenti delle prestazioni e risparmi sui costi tra i maggiori sul mercato, senza dover fare il porting delle applicazioni su una nuova architettura di processore.

Secondo quanto afferma Google Cloud, le Tau VM offrono prestazioni assolute superiori del 56% e un rapporto prezzo-prestazioni superiore del 42% rispetto alle VM general-purpose, di uno qualsiasi dei principali fornitori di cloud pubblici.

Google Cloud VM

E i risultati dei benchmark pubblicati da Google Cloud, che riportiamo nell’articolo (e di cui Google fornisce anche i dettagli su come sono stati effettuati i test), fanno riferimento in modo esplicito alla piattaforma Arm, oltre che a Intel Cascade Lake, in relazione al dover fare o meno il porting delle applicazioni su altri processori.

Le VM Tau sono disponibili in più formati predefiniti di VM, con un massimo di 60 vCPU per VM e 4GB di memoria per vCPU. Offrono fino a 32 Gbps di larghezza di banda di rete e una vasta gamma di opzioni di network attached storage.

Queste caratteristiche rendono le VM Tau ideali per i carichi di lavoro di scale-out, tra cui i server web, i microservizi containerizzati, l’elaborazione dei dati, la transcodifica multimediale e le applicazioni Java su larga scala.

Google Cloud VM

Anche Google Kubernetes Engine (GKE) supporta Tau VM, e ciò può aiutare i clienti a ottimizzare il rapporto prezzo-prestazioni per i propri carichi di lavoro containerizzati. È possibile aggiungere le VM Tau ai cluster GKE specificando il tipo di macchina T2D nei node-pool GKE.

Le VM di tipo T2D saranno disponibili nel Q3 2021, ha annunciato Google Cloud.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php