Home Digitale G20, a Trieste il 5 agosto il summit sulla digitalizzazione

G20, a Trieste il 5 agosto il summit sulla digitalizzazione

Il G20 sulla digitalizzazione si svolgerà a Trieste il 5 agosto e sarà presieduto dal Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao. Parteciperà ai lavori anche il Sottosegretario allo Sviluppo economico Anna Ascani.

La Task Force sull’economia digitale (Digital Economy Task Force DETF), co-presieduta dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale (MITD) e dal Ministro dello Sviluppo economico (MiSE), ha adottato una visione pragmatica volta a favorire l’apprendimento reciproco tra i Paesi membri, nella consapevolezza della diversità degli approcci normativi e delle soluzioni tecnologiche adottate. I temi sono stati organizzati in due aree: “Digital Economy” di pertinenza del MiSE e “Digital Government” di competenza del MITD. Nel corso del “G20 Digital Ministers’ Meeting”, in particolare nella sessione dedicata al “Digital Government” presieduta dal Ministro Colao, saranno affrontati tre temi specifici.

Identità digitale

Il primo tema della sessione riguarda il ruolo dell’identità digitale sia come mezzo per
garantire un’identificazione sicura, sia come strumento per accedere ai servizi digitali in
sicurezza e nel rispetto della privacy, assicurando a tutti i cittadini una partecipazione al
tessuto socio-economico più attiva ed inclusiva. Tra gli aspetti discussi, figura anche il
potenziale dell’identità digitale in contesti emergenziali e di aiuto umanitario. Per
promuovere il dialogo internazionale sull’identità digitale ed evidenziare il potenziale di
soluzioni interoperabili e portabili, sono state raccolte le diverse soluzioni adottate dai Paesi
G20.

Tecnologie digitali per la continuità e l’efficienza dei servizi pubblici

Il secondo tema oggetto della sessione “Digital Government” si concentra sull’importanza
delle tecnologie digitali nell’assicurare la continuità, l’efficienza e la sicurezza dei servizi
pubblici, così come accaduto nel corso della pandemia. Grazie all’ingente quantità di dati
prodotta ogni giorno, l’applicazione di soluzioni di intelligenza artificiale e di altre tecnologie
emergenti ai servizi pubblici permette di trasformare il modo in cui i Governi sviluppano e
definiscono servizi e politiche pubbliche per rispondere alle esigenze dei cittadini. La
Presidenza del G20 ha raccolto numerose esperienze segnalate dagli stessi Paesi nel
Compendio sull’uso degli strumenti digitali per assicurare la continuità nei servizi pubblici.

Regolamentazione agile per sostenere crescita e innovazione

Con il secondo tema si è affrontato il ruolo della regolamentazione agile per sostenere la
crescita e l’innovazione. Il progresso tecnologico permette lo sviluppo di nuovi prodotti,
servizi e modelli industriali inimmaginabili fino a pochi anni fa.
I Governi hanno l’opportunità di canalizzare il potenziale di queste innovazioni tramite la
creazione di spazi sicuri – anche nella forma di regulatory sandboxes – all’interno dei quali
sperimentare prima di renderle fruibili a tutti. Una regolamentazione agile e al passo con
6
l’era digitale consente di controllare e prevenire i possibili impatti negativi del progresso
tecnologico. Il contributo al dibattito dei membri G20 è stato raccolto nel Rapporto sulla
“regolamentazione agile” nei Paesi G20.
In occasione del “Digital Ministers’ Meeting” che si terrà il 5 agosto 2021, verrà adottata la
Declaration of G20 Digital Ministers – Leveraging Digitalisation for a Resilient, Sustainable
and Inclusive Recovery (Dichiarazione dei Ministri del Digitale – Fare leva sulla
digitalizzazione per una ripresa economica sostenibile e inclusiva).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php