Per il futuro del fintech anche blockchain e quantum computing

business hand pushing fintech or financial technology button on a touch screen interface

Un settore in rapida evoluzione che ha visto nascere un ecosistema fatto di startup e investitori e regolatori che spingono e non ne ostacolano lo sviluppo.

È cosi che l’European FinTech Market Outlook, 2018, il report di Frost&Sullivan, descrive lo scenario del fintech. Intelligenza artificiale, machine learning, big data, analytics e IoT sono le principali tecnologie utilizzate dalle società del settore che puntano su soluzioni di facile utilizzo, l’accesso in mobilità e la personalizzazione.

“Per il futuro possiamo prevedere che le aziende FinTech si concentreranno sempre più e parteciperanno alla ricerca e alla dimostrazione proof of concept in tecnologie come blockchain e quantum computing” afferma Deepali Sathe, Senior Industry Analyst, Ict, Frost & Sullivan. “Nel frattempo, gli sviluppi nell’ambito di piattaforme di intelligenza artificiale e Machine learning creeranno nuove allettanti opportunità.”

Nuovi modelli di business per il fintech

Con l'afflusso di startup e di soluzioni innovative che trasformano la catena del valore in segmenti come PayTech e AssicurTech, gli operatori tradizionali del mercato prendono atto della necessità di una maggiore agilità che deve combinarsi con una forte flessibilità resa necessaria dalle frequenti modifiche e gli aggiornamenti delle normative e dei requisiti di conformità, oltre che da eventi come Brexit.

"Nuovi modelli di business e la crescita di soluzioni incentrate sul cliente creeranno opportunità per offrire nuovi servizi o X-as-a-Service (XaaS)", ha osservato Sathe. "Questi modelli automatizzano i processi e si integrano con l'infrastruttura IT esistente per guidare la crescita complessiva. Inoltre, diversi segmenti di mercato, come le piccole e medie imprese, gli stranieri e le persone con una storia di credito breve, che sono o non sono serviti o non sono serviti, hanno cominciato a offrire ulteriori opportunità di business".

Le aziende stanno sempre più esplorando opzioni per partnership e investimenti strategici per garantire un time-to-market più rapido e soddisfare le richieste dei consumatori di accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e consentire un approccio omni-canale. Le Api e l'economia condivisa avranno un impatto su scala industriale, in quanto il nuovo ecosistema incoraggia un approccio collaborativo.

Il trasferimento di denaro fra le imprese

Tra i settori che potrebbero essere toccati in profondità dall’avvento del fintech c’è quello del trasferimento di denaro fra le imprese. Un recente studio di mercato di Juniper Research ha rilevato che nel 2017 i bonifici transfrontalieri tra imprese ammontavano a 136 trilioni di dollari. Tuttavia, fino ad oggi, il settore non ha sperimentato l'innovazione start-up e la perturbazione come in altri settori della finanza e del commercio. Detto questo, possiamo anticipare che il 2018 sarà un anno cruciale, in quanto un maggior numero di imprenditori fintech perseguirà questa opportunità non sfruttata in precedenza.

I risultati di nuovi studi hanno concluso che il mercato transfrontaliero dei trasferimenti di denaro tra imprese è maturo per essere inciso in profondità, poiché le nuove tecnologie e le modifiche legislative ridefiniscono le pratiche bancarie tradizionali in tutto il mondo.

"Mentre le banche tradizionali facilitano ancora la maggior parte delle transazioni transfrontaliere B2B, le nuove tecnologie, come i conti virtuali, la fatturazione elettronica e la tecnologia blockchain, aiuteranno le aziende a realizzare soluzioni che consentono di risparmiare tempo, efficienza e trasparenza", ha dichiarato Lauren Foye, analista senior di Juniper Research.

Secondo le previsioni, la percentuale dei valori dei trasferimenti transfrontalieri tra imprese facilitata dalle nuove start-up fintech e dalle tecnologie dirompenti passerà dal 7,5% nel 2017 - pari a 10,4 trilioni di dollari - al 13,3%, ovvero 29 trilioni di dollari entro il 2022.

Intanto, nel mondo delle startup in Italia sono 235 le imprese che si sono cimentate nell’innovazione del mondo finanziario raccogliendo circa 30 milioni di euro di investimenti. Pwc e NetConsulting Cube le hanno mappate scoprendo che sono più che raddoppiate rispetto al 2015.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome