Fine di un’era: l’Enciclopedia Britannica va solo online

Basta edizioni in 32 volumi rilegati. Per l’Enciclopedia Britannica è arrivato il momento del passaggio definitivo al digitale. Un percorso iniziato otto anni fa e che introduce un business model diverso, nel quale c’entra anche Wikipedia.

Fa sempre scalpore quando una istituzione decide di cambiare radicalmente pelle e faccia.
Così non può che raccogliere amplissima eco sul web la notiza che l'Enciclopedia Britannica dopo 244 anni di "onorato servizio" ha deciso di sospendere le pubblicazioni e di spostarsi integralmente (o quasi come vedremo tra poco) sull'online.

Segno dei tempi che cambiano, senza dubbbio.
E la Britannica ha semplicemente preso atto che gli utenti preferiscono rivolgersi a siti come Wikipedia o Google, piuttosto che ricercare le informazioni di cui hanno bisogno su volumi cartacei, per quanto monumentali, autorevoli e referenziati questi siano.

La decisione si limita alla stampa dell'enciclopedia nel formato finora tradizionale.
Oggi la Britannica si definisce una "digital company" a tutti gli effetti e ha deciso di concentrare la sua attività nella vendita dei suoi contenuti agli abbonati, sia attraverso il suo sito, sia attraverso le nuove app per tablet e smartphone.

Il declino della versione cartacea è palese: ancora nel 1990 la società aveva venduto 120.000 copie di set completi, composto ciascuno da 32 volumi.
Nel 2010 ne ha stampate 12.000 copie, e ancora ne ha a magazzino 3,500 invendute.
E' dunque arrivato il momento di cambiare radicalmente business model.

In realtà l'approccio della Britannica al digitale non è nuovo.
Già otto anni fa, a fronte delle prime perdite causate dal calo di appeal del prodotto a stampa, ha iniziato a sperimentare l'online, partendo dal suo mercato d'elezione: l'educational.
Oggi la società ascrive l'85% del suo fatturato alla vendita di programmi di formazione, libri di testo scientifici e umanistici.
Solo una quota del 15% delle revenue può attribuirsi ai tradizionali contenuti enciclopedici e di questi solo l'1% afferisce ancora alla carta.

Sull'online, va detto, la sfida è ardua.
Secondo quanto riporta questa mattina Wall Street Journal, il confronto con Wikipedia è impari.
E non si tratta solo di contenuti (le voci dell'Enciclopedia britannica sono nettamente inferiori a quelle dell'iniziativa fondata da Jimmy Wales), ma di popolarità.
Di fatto, se ogni mese circa un milione e mezzo di ricerche fanno capo a contenuti disponibili anche sulla Britannica, solo lo 0,5% degli utenti poi approda sul sito dell'Enciclopedia.

I responsabili dell'Enciclopedia si dicono ottimisti.
In prospettiva l'intenzione è rendere disponibile un quantitativo superiore di contenuti gratuiti sul sito, così da attrarre un numero sempre maggiore di visitatori.

Il mondo accademico non sembra sconvolto dalla notizia: la digitalizzazione è un percorso inevitabile, da molti salutato con favore per la sua praticità e accessibilità, decisamente superiore a quella di un'opera in 32 volumi. Trascurando, per l'altro, l'impatto ambientale.

C'è un unico settore nel quale la Britannica manterrà un approccio tradizionale: la stampa di libri per bambini nel mercato indiano.
Ma anche in questo caso le evoluzioni sono in arrivo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here