Fine della collaborazione sugli Lcd tra Ibm e Toshiba

Di comune accordo, le due aziende hanno deciso di sciogliere la joint venture perché Big Blue vuole concentrarsi esclusivamente sui display Tft di grandi dimensioni.

Di comune accordo,
Ibm e Toshiba hanno deciso di interrompere la collaborazione per la produzione
di Lcd che durava ormai da 12 anni. La joint venture, che venne
avviata nel novembre 1989 e che aveva preso il nome di Display
Technologies, avrà termine alla fine di agosto. L'accordo coinvolgeva le fabbriche di Toshiba a Himeji (in
Giappone) e di Ibm a Yasu (sempre in Giappone).


Come risultato della dissoluzione della partnership, la fabbrica di Himeji,
che produce pannelli Tft-Lcd di piccole e medie dimensioni, diventerà
interamente a una sussidiaria d Toshiba, mentre Ibm avrà il possesso del resto
di Dti. La decisione di interrompere la joint venture è stata una logica
consegenze delle differenti direzioni prese da Ibm e Toshiba sulla tecnologia in
Tft-Lcd: Big Blue si focalizzerà infatti sui pannelli di grandi dimensioni e ad
alta risoluzione.


Le due aziende manterranno comunque attive diverse altre partnership, tra cui
quella che coinvolge anche Sony e che dovrebbe portare entro cuinque anni alla
realizzazione di un microprocessore per il segmento consumer capace di
raggiungere 1 teraflop.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome