Finalmente pronti i server “Cherrystone” di Sun

Con i Sun Fire V480, il costruttore californiano colma una lacuna nella gamma Serengeti. Le macchine sono dotate di processori UltraSparc III e supportano ambienti Solaris 8 e 9. La fascia di competizione è con i server Intel fino a quattro vie.

Dopo un certo periodo di attesa, sono finalmente pronti per il mercato i nuovi server Sun Fire V480, conosciuti con il nome in codice di Cherrystone. Si tratta di macchine basate su processore UltraSparc III, destinati ad applicazioni di workgroup, che vanno a coprire una lacuna nella gamma Serengeti di Sun, collocandosi a metà strada fra i modelli 280R e V880s. Il nuovo modello supporta ambienti operativi Solaris 8 e 9 e va a porsi in diretta competizione con le macchine Intel-based (Xeon III o Pentium 4) fino a quattro vie, su ambienti Windows o Linux. Il Sun Fire V480 si presenta però in versione rack, con un form factor 5U, ovvero un po' superiore a quello delle corrispettive macchine Intel.
L'ultimo prodotto di Sun esce con due UltraSparc III a 900 MHz, ciascuno equipaggiato con 8 Mb di cache di livello 2. Di base, troviamo 4 Gb di Ram (espandibile a 32) e due dischi Fibre Channel da 36 Gb. Inoltre, vengono offerte Nic integrate 10/100 Mbit e sei slot Pci. Il prezzo di questa configurazione è di 22.295 dollari. Vengono poi proposte configurazioni più potenti in termini di disk array, Ram o numero di processori, per un costo che al massimo dovrebbe arrivare a 122.595 dollari.

Sun ha poi annunciato che i processori UltraSparc III a 900 MHz non sono supportati sui server Sun Fire V880 a otto vie, ma che è stata raddoppiata la memoria di basen fino a un massimo di 64 Gb. Così, spera il costruttore, dovrebbero essere disponibili maggiori prestazioni, e scalabilità su Oltp e altri carichi di lavoro enterprise. Il V880 usa drive Fibre Channel da 72 Gb.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome