Fase 2 per l’autonomic computing

Ibm ha aperto la strada alla prossima fase dell’autonomic computing, la metodologia che sfrutta le capacità di gestione automatica per fornire intelligence operativa dal data center. La nuova offerta comprende vari strumenti dell’area di prodotti Tivol …

Ibm ha aperto la strada alla prossima fase dell'autonomic computing, la metodologia che sfrutta le capacità di gestione automatica per fornire intelligence operativa dal data center.

La nuova offerta comprende vari strumenti dell'area di prodotti Tivoli. Si va da Tivoli Usage and Accounting Manager, un software automatizzato per la contabilità delle risorse, l'allocazione dei costi e la fatturazione dei chargeback basata sull'utilizzo delle risorse, a Tivoli Security Operations Manager, strumento che fornisce una piattaforma in tempo reale consolidata, per mantenere operative le reti e i sistemi informatici, a dispetto delle minacce alla sicurezza. Il software analizza in modo autonomico i dati provenienti da tutto il data center, per rilevare minacce alla sicurezza, ottimizzando e automatizzando il processo di riconoscimento, indagine e risposta agli incidenti.

OptimizeTest è un'offerta di servizi che automatizza i test e la quality assurance per le attività It, per ridure il costo di provisioning dei sistemi di storage e server, mentre Tivoli Monitoring provvede al controllo della disponibilità e delle prestazioni per le risorse It, con dati diagnostici chiave e azioni correttive automatiche.

Gli Ibm service management service sono servizi per la strategia, pianificazione, progettazione e realizzazione che supportano le best practice come Itil (It Infrastructure Library), mentre Tivoli Change and Configuration Management Database fornisce una piattaforma per avviare progetti di service management, tenendo traccia delle informazioni It sparse tra molti sistemi informatici. Ibm Systems Director Active Energy Manager è, invece, un software di gestione energetica che si avvale delle capacità autonomiche per tenere traccia dei consumi nel data center.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here