Fare network stimola la creatività

Social_soundbitesUn recente rapporto di Tech Nation ha messo in evidenza che tre quarti delle aziende digitali di successo hanno collaborato e condiviso idee con un network di imprenditori.
Questa diffusione di “distretti tecnologici” dinamici in Europa e in tutto il Regno Unito, come ad esempio la Tech City nella zona est di Londra e la Silicon Beach a Bournemouth, si colloca nell’ambito di una nuova tendenza che replica lo spirito della Silicon Valley degli Anni ’40, dove idee nuove e brillanti sono nate da persone dalle menti affini, capaci di lavorare gomito a gomito.

A farlo notare è Carsten Bruhn, Executive vice president, Commercial, di Ricoh Europe che, per completezza di informazioni, cita il recente studio “Il futuro degli ambienti di lavoro”, sponsorizzato da Ricoh Europe e realizzato dall’Economist Intelligence Unit.
Al suo interno, Graham McClements, architetto presso lo studio inglese Bdp, afferma che questo succede perché gli ambienti di lavoro che creano e stimolano creatività sono, in genere, i più ambiti dalle persone e, quindi, hanno più probabilità di successo.

I computer vengono sempre più utilizzati per la gestione delle attività aziendali ripetitive e complesse, per cui le persone e le imprese che si aggregano in communità possono lavorare in modo più creativo, a vantaggio della produttività dell’azienda.

Graham McClements sostiene che, nonostante le attività lavorative diventino sempre più automatizzate, la creatività rimane fondamentale nel business ai fini dell’innovazione. Inoltre, sempre secondo McClements, indipendentemente dalle tecnologie utilizzate nelle aziende, le persone hanno ancora bisogno di collaborare con altre persone per lavorare meglio.
Insieme allo sviluppo tecnologico, le persone costituiscono ancora il fulcro delle aziende. Dalle ricerche è, infatti, emerso che il lavoro è un aspetto importante nella vita delle persone, non solo in quanto fonte di guadagno ma anche come struttura di connessione con gli altri.

Come cambiano gli ambienti di lavoro
Le cose sono cambiate rispetto a qualche anno fa: un numero sempre maggiore di organizzazioni impegna risorse per raggiungere la trasformazione digitale e i datori di lavoro hanno capito che è necessario trasformare non solo i processi ma anche il modo in cui i luoghi di lavoro vengono concepiti e progettati.

Il successo dei network di competenze che si vanno a formare, siano essi focalizzati sulla ricerca scientifica, sulla tecnologia delle comunicazioni, sulla finanza o altro, dipende anche da quanto gli ambienti di lavoro riescano ad adattarsi all’evoluzione delle esigenze dei lavoratori.

Le persone cercano ambienti dinamici e in grado di favorire l’aggregazione”, ribadisce McClements ricordando come: “L’edificio in sé potrebbe diventare multifunzionale affiancando agli uffici bar e negozi. Inoltre, le aree di lavoro potrebbero essere molto diverse da quelle tradizionali, con meno enfasi sulla classica scrivania e più su spazi pensati per la collaborazione e l’interazione”.

In un’altra intervista, Henrich Greve, professore di imprenditoria all’Insead, prende una posizione simile. Il professor Greve ritiene che una tendenza rilevante nel futuro sarà rappresentata da persone che lavorano in network, interagendo con i professionisti di altre aziende per integrare conoscenza e competenze.

Le imprese - spiega - hanno bisogno di nuove conoscenze e si stanno orientando sempre più verso la collaborazione con partner con competenze differenti da quelle presenti al proprio interno”.

Ambedue le interviste chiariscono che tutti gli spazi, dall’architettura generale della città alla struttura degli uffici, si dovranno adattare per supportare coloro che lavorano secondo le nuove modalità.
In un mondo ideale, torna a riassumere Bruhn, la tecnologia sarà alla base di questo nuovo scenario.

Secondo l’Executive vice president, Commercial, di Ricoh Europe, continueremo a vedere sempre più aziende stringere partnership con altre organizzazioni, man mano che diventerà loro chiaro come questo possa aiutare a creare luoghi di lavoro efficienti e ad assicurare una cultura dell’innovazione guidata dalla tecnologia e dalla collaborazione.

In Ricoh - conclude il manager - stiamo facendo questo cammino con i nostri clienti, incoraggiandoli non solo ad adattarsi alle mutevoli esigenze del business moderno, ma anche a trasformare processi e infrastrutture per accelerare il cambiamento negli ambienti di lavoro”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here