Eucys 2015: giovani scienziati a Milano

Eucys 2015, il concorso dell’Unione europea per i giovani scienziati è giunto alla sua 27esima edizione e si svolge per la seconda volta a Milano, dopo quella del 1997. I progetti in lizza sono esposti dal 18 al 21 settembre alla Fabbrica del Vapore, in via G.Procaccini 4.

Vengono esposti i lavori, prototipi, ricerche di 103 progetti, tutti interessanti e utili” ha detto Alberto Pieri, Segretario Generale della FAST- Federazione delle Associazioni Scientifiche e tecniche, che organizza questo evento per la Direzione Generale Ricerca della Commissione europea.

I premi variano: 7000 euro per i 3 migliori progetti; 500 euro per i 3 secondi; 3500 euro per i terzi classificati, più altri riconoscimenti elargiti da enti partner e sponsor, in denaro e con partecipazioni a internati presso (European Space Agency) e il Cern.

Alla finale di Milano sono in lizza e rappresentano l’Italia vari progetti.

BOpHIS: BOa per la misura del pH mediante tecnologia ISFET” di Thomas Alt, Alessandro Roccaforte, Sofia Srebotuyak dell’ ISIS A. Malignani di Udine. ll progetto si articola in due parti: una elettronica-informatica di progettazione e realizzazione di una boa oceanografica per il monitoraggio continuo del pH delle acque costiere, e l’altra biologica per il controllo dello stato di ‘’salute’’ del mare e della biodiversità mediante il campionamento dei coccolitoforidi, bioindicatori ideali che rilevano in tempo reale variazioni del pH anche di poche unità.

Metals-Catchers” di Alvaro Maggio dell’ IIS Q. Ennio di Gallipoli (LE), soluzione efficace ed economica al problema della potabilizzazione delle acque contaminate.

iBin: bidone intelligente per la differenziazione dei rifiuti” di Davide Carboni e Alessandro Carra dell’ IIS Volterra-Elia di Ancona. Gli studenti hanno realizzato un bidone automatizzato per il conferimento differenziato dei rifiuti, con interfaccia audiovisiva con uno o più LED colorati o schermo alfanumerico e/o grafico, e con un eventuale sintetizzatore vocale e/o riproduttore audio per facilitare il riconoscimento degli oggetti.

Partizione degli assimilati e miglioramento della qualità della produzione delle piante: utilizzo di un tracciante fluorescente” di Fabio Bronzin, Matteo Cividino, Lorenzo Marano dell’ ISIS A. Malignani di Udine.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here