Esprinet: via libera al Voice over Ip

Tutto è pronto affinché questa tecnologia sia presente, tra qualche anno, nella maggior parte delle aziende. Dall’impegno di produttori e terze parti la risposta agli ultimi dubbi sugli usi e i vantaggi offerti

«Il mercato italiano è maturo per la diffusione del VoIp».
Luca Casini, Bu manager networking software and value products di Esprinet, non ha dubbi sul successo in terra nostrana del Voice over Ip.
Il dado ormai è tratto. Prosegue infatti il manager: «L’alto numero di connessioni Xdsl presenti sul territorio nazionale, la possibilità, per molti operatori, di integrare l’offerta It con quella Tlc e l’incremento dei servizi di supporto autorizzano a parlare del VoIp come di una realtà in continuo sviluppo, che entro qualche anno sarà presente nella maggior parte delle aziende».

Ammettendo l’esistenza di un certo grado di vaghezza nella percezione del VoIp, Casini descrive però un contesto «in cui sono ancora poco chiari i vantaggi economici ottenibili dall’adozione di questa tecnologia, rispetto alla quale permangono, da parte del mercato, difficoltà nell’identificare e realizzare le soluzioni adatte ai vari tipi di esigenze».
Il problema, tuttavia, non è insormontabile.
«Distribuiamo le soluzioni VoIp di Cisco, Microsoft, 3Com, Zyxel e Exsorsa – continua Casini -. Questi marchi sono solidali con noi nello sviluppo di processi di comunicazione e formazione rivolti agli operatori di settore».
Dopodiché, l’attività svolta ad hoc da Esprinet. Il distributore, infatti, supporta i propri rivenditori in ogni fase del processo di vendita delle soluzioni VoIp, con servizi erogati da un team di system engineer, assistenza prevendita e forme varie di consulenza, di installazione e riparazione prodotti fruibili tramite ServiceLand, la propria struttura dedicata ai servizi tecnici. Il tutto per un’ampia gamma di terze parti, dato che, comportando il Voice over Ip la convergenza tra il mondo It e quello Tlc, «esistono varie tipologie di partner che possono avere successo in questo mercato».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome