Esprinet si avvicina all’Europa

La società accelera i piani di espansione previsti inizialmente per il prossimo anno. Già individuati i possibili target

Esprinet mette da parte la flemma che la contraddistingue e spinge
l'acceleratore in direzione delle acquisizioni in Europa.

“I risultati raggiunti nel 2004 - spiega l'amministratore delegato Alessandro Cattani - ci
fanno prendere atto di una performance finanziaria anche superiore
rispetto alle previsioni

. Per questo motivo
anticipiamo di 12 mesi la nostra intenzione di crescere per linee esterne in Europa mediante una o piu'
acquisizioni. Privilegeremo in quest'ottica le operazioni con ritorni accelerati e possibilità di creazione di
valore nel breve periodo, in particolare puntando a target che ci consentano almeno in prospettiva, di
conquistare la leadership su ogni singolo mercato in cui siamo interessati a entrare”
.
A questo proposito, ha aggiunto Cattani, sono stati
identificati alcuni possibili target di acquisizione, che si
caratterizzano per l'agevole integrabilità del modello Internet-based adottato
da Esprinet, con i quali sono già stati avviati i primi contatti. Tutto questo
nonostante per il primo trimestre di quest'anno il distributore di Nova Milanese
preveda una crescita dei ricavi frenata da un fenomeno persistente di
erosione dei prezzi unitari

. Un fenomeno non certo estraneo al mondo Ict che non dovrebbe comunque ostacolare il raggiungimento degli obiettivi da parte di Esprinet.

Cattani ha infatti confermato i target di fine 2006 che indicano ricavi a 1.750 milioni di euro e utile ante imposte di 48 milioni di euro. L'esercizio in corso, infatti, “si
sta caratterizzando per una situazione di mercato favorevole in termini di unità vendute e di marginalità lorde, e inoltre si prospettano importanti economie sotto il profilo del costo della gestione crediti e degli oneri finanziari essenzialmente grazie alla riduzione dell'indebitamento”
.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here