Esprinet, meglio in Italia che in Europa

Nei primi nove mesi del 2008, il Gruppo ha registrato risultati finanziari meno favorevoli rispetto allo stesso periodo 2007. Più stabile l’andamento della filiale italiana.

Il Gruppo Esprinet ha chiuso il terzo trimestre 2008 con ricavi consolidati 494,3 milioni euro, registrando una crescita del 4% anno su anno. L'utile netto è stato, invece, di 2,2 milioni (+41% sullo stesso periodo del 2007).
I risultati dei primi nove mesi del 2008 portano, quindi, il giro d'affari dell'azienda a quota 1.640,7 milioni di euro (in calo del 4% anno su anno) e a un utile netto di 13,5 milioni (-40% sullo stesso periodo del 2007).
I debiti finanziari netti al 30 settembre 2008 ammontano, invece, a 58,7 milioni di euro, in aumento di 3 rispetto ai 55,7 del 31 dicembre 2007.

In generale, nel corso dei primi nove mesi del 2008, il Gruppo Esprinet ha registrato risultati economico-finanziari meno favorevoli rispetto a quanto realizzato nei primi nove mesi del 2007. Tale andamento si giustifica alla luce dei
risultati delle attività della consociata Esprinet Iberica non ancora in linea con quanto realizzato nello scorso esercizio sotto il profilo sia dei ricavi che della redditività operativa.
Nondimeno nel corso del terzo trimestre si segnala un'inversione di tendenza, testimoniata dalla crescita dell'Ebit del +40% e dell'utile netto del +41%. Tali performance sono state influenzate favorevolmente dal buon andamento delle attività in Italia, ma anche del buon risultato di Esprinet Iberica in termini di ricavi, riduzione dei costi operativi e capacità di contenere i costi finanziari derivanti dalla maggiore efficienza di gestione
del capitale circolante.

Per quanto riguarda l'Italia si segnala il favorevole andamento del core business della distribuzione B2b di It ed elettronica di consumo e il brillante risultato di Monclick (e-commerce B2c), che chiude i primi nove mesi sostanzialmente a break-even a poco più di tre anni dallo start-up a fronte di una perdita operativa consuntivata nei primi nove mesi del 2007 pari a € 0,4 milioni.
Per converso il segmento di attività della distribuzione B2b di componenti elettronici, gestito tramite la controllata Comprel, presenta un andamento negativo caratterizzato da una contrazione della redditività operativa del -66% a seguito dell'effetto della flessione dei volumi di ricavi su una struttura di costo fortemente esposta sulla componente fissa.
Per quanto riguarda l'Italia, i principali risultati economico-finanziari riportano ricavi netti verso terzi pari a 1.258,5 milioni di euro, pressoché stabili (-0,3%) rispetto a € 1.262,3 milioni dei primi nove mesi del 2007; nel terzo trimestre 2008 i ricavi netti ammontano a 355,7 milioni e presentano una variazione positiva del +2% rispetto a € 350,3 milioni del terzo trimestre 2007 essenzialmente a motivo del buon andamento delle vendite di Esprinet e Monclick che ha consentito di compensare la flessione nei ricavi del comparto dei componenti micro-elettronici (Comprel).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome