Erp, cotto e salami. La ricetta di Portalupi

I piccoli passi verso L’Ict di un’azienda di Vercelli. Oggi il nuovo gestionale e domani i palmari per la forza vendita

Caso da manuale quello della Nuova Portalupi Salumi. C'è l'azienda che
cresce, le esigenze che cambiano, la necessità di nuovi strumenti di analisi. E
poi, come si dice nel linguaggio delle ricerche, il forte commitment del
management
che in un'azienda di 49 persone significa che l'imprenditore
e il suo braccio destro danno la linea e seguono a fondo il progetto che li ha
portati a cambiare il gestionale.


Tutto qui? Beh, l'arrivo di un nuovo Erp in un'azienda come la Portalupi vale
più o meno come l'ingresso di un sofisticato sistema di business intelligence
nella grande azienda. Solo che qui nulla si può fermare, l'azienda deve
continuare a marciare. Siamo a Guardabosone, in provincia di Vercelli dove in
mezzo alle risaie spunta questa azienda guidata da Debora
Garetto
che vale nove milioni di fatturato che realizza per l'80% in
Italia e il resto in Francia, Belgio, Gran Bretagna, Svizzera e Germania dove è
riuscita a imporsi come brand. Piccolo esempio del made in Italy alimentare,
Portalupi realizza i suoi ricavi con prosciutto cotto e salami.


Dal punto di vista informatico su 49 dipendenti le postazioni pc sono
una quindicina
in più c'è anche un sito Internet al momento in
rifacimento che, per ora, funziona come vetrina aziendale. L'azienda però non è
all'anno zero per quanto riguarda i software applicativi. Da tempo viene
utilizzato un gestionale che risale ogni anni Novanta. Ma i
limiti sono evidenti. Il programma, infatti, non permetteva di gestire la
contabilità industriale per la quale ci si affidava ai dei fogli
Excel. Ma si poteva fare meglio. Così Garetto con l'aiuto di
Andrea Calzini, responsabile amministrativo e dei sistemi It, sonda il mercato
alla ricerca di qualcosa di nuovo. La scelta va su Gamma Enterprise di
Teamsystem con il verticale Consumer Goods
proposto dalla Lira di
Torino, partner locale di Teamsystem.


“Rapporto qualità prezzo e la presenza di moduli non integrati in alcuni
prodotti della concorrenza”
sono i motivi che, secondo Calzini, orientano
la scelta. Come insegnano i manuali è il vertice dell'azienda che segue
in prima persona
il progetto che rischia di cozzare contro qualche
resistenza interna. Il vecchio gestionale ormai lo si conosceva a memoria e
anche quel diavolo di Excel orma si maneggiava con sapienza.
Perché cambiare, si chiede qualcuno mentre inevitabili arrivano i primi momenti
di panico.
Il gestionale sembra così complicato, spuntano i post it sulla
tastiera per ricordarsi quei comandi che non rimangono in mente. Tutto però
viene superato in fretta. “In un paio di mesi siamo a posto” ricorda
Calzini, mentre ci vorranno ancora sei mesi circa per dire che la missione è
stata definitivamente compiuta. Le perplessità iniziali si sciolgono davanti a
un sistema che permette di tenere conto del calo del peso durante la
stagionatura (un 30% di prodotto che se ne va) ma anche davanti a dati
aggiornati e precisi, storico degli acquisti e altro.


Numeri fondamentali per avere sotto controllo la situazione e muoversi con
più agilità sul mercato. “Oggi - afferma contento Calzini - abbiamo
il 50% in più di visibilità sui conti aziendali”
. Dati nascosti
salgono in superficie
. Non si viaggia più a spanne. La paura “di
prendere un gestionale che non faccia quello che promette”
è passata.
Merito anche di Lira del quale Calzini ha apprezzato molto la disponibilità.
“Se c'era da fermarsi qualche ora in più si fermavano senza problemi. Anche
il sabato”.
Elemento fondamentale quando si lavora con le Pmi.


Anche i pc vengono cambiati ma a questo punto la coppia Garetto-Calzini tira
il fiato. Gli investimenti, per un'azienda come la Portalupi sono stati onerosi.
Per il momento è tutto, ma l'anno prossimo si ricomincia. C'è da dotare
gli agenti di palmare
e da mettere in rete i fornitori
per utilizzare in modo un po' più consono ai tempi il sito Internet. Così a
piccoli passi i salumi di Vercelli diventano sempre più high tech.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here